Terrore in Germania, uomo sferra colpi d’ascia sui passanti: il video

Germania di nuovo sotto shock. Ieri sera un uomo ha sferrato colpi d’ascia sui passanti nella stazione di Dusseldorf, provocando diversi feriti. Nel video, girato con un telefonino subito dopo la tragedia, si vede un uomo a terra e chiazze di sangue sul pavimento intorno.

germania stazione dusseldorf esterno attacco ascia
Una folla di curiosi all’esterno della stazione di Dusseldorf, in Germania, subito dopo l’attacco con lascia da parte di uno squilibrato ai danni di passanti inermi

Ieri sera, poco prima delle nove, nella stazione di Dusseldorf, Germania, si è scatenato l’inferno. Un uomo ha sferrato un attacco con l’ascia colpendo diversi passanti che in quel momento si trovavano all’interno dell’area ferroviaria.

Cinque i feriti, tra cui una bambina di 13 anni.

Secondo fonti investigative l’aggressore, che è stato immediatamente arrestato, sarebbe un 36enne originario dell’ex Jugoslavia, con problemi psichici, e residente a Wuppertal.

In questo filmato amatoriale, caricato su Youtube subito dopo la tragedia e girato con un telefonino, si vedono chiaramente le chiazze di sangue sul pavimento della stazione.

Come riferisce anche Repubblica:

“La stazione del capoluogo del Nordreno-Westfalia era stata evacuata e blindata immediatamente dopo il folle gesto e secondo l’emittente Ntv, nella confusione delle prime ore, la polizia avrebbe cercato sulle prime dei possibili complici. E un elicottero ha continuato per ore a sorvolare il luogo dell’attacco.”

Purtroppo non è la prima volta, e non sarà di certo l’ultima, che i luoghi pubblici in Germania siano teatro di tragedie contro inermi cittadini.

Negli ultimi mesi abbiamo visto prima l’attentato nel centro commerciale di Monaco e poi il tir sulla folla a Berlino, il cui terrorista è stato arrestato dalle forze armate italiane. Con nessuna gratitudine, duole ricordarlo, da parte del governo tedesco.

La Merkel e le sue politiche sono finite, subito dopo la notte di Dusseldorf, di nuovo nel mirino della critica. Mentre le elezioni sono sempre più vicine.

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore