Una scuola senza pagelle nè voti si può: è il sogno di Ferdinando Ciani

Una scuola senza pagelle né voti, dove i ragazzi non temono le interrogazioni e partecipano alle scelte di solito affidate ai docenti. Come quella, ad esempio, dei manuali da studiare.

 

Non è un’utopia ma ciò che prova a realizzare ogni giorno in classe Ferdinando Ciani, 58 anni, professore di matematica e scienze della scuola media Manzoni di Pesaro. Oltre a svolgere l’attività di docente, Ciani coordina il “Gruppo di ricerca sulla pedagogia del Gratuito”, movimento di insegnanti e genitori nato con lo scopo di promuovere una nuova didattica: “In alternativa alla scuola del Profitto” spiega il professore.

Il punto di partenza di Ciani e del suo gruppo – di cui si è appena concluso il primo convegno nazionale e che si ispira alla lezione di don Milani– è semplice: “La scuola è sempre più simile a un’azienda, una fabbrica di alunni le cui performance sono valutate come si farebbe con dei prodotti commerciali. Per noi, invece, l’educazione è una cosa diversa, parte dalla relazione e non si misura con dei parametri numerici”. In concreto, la prima cosa da abolire nella scuola del gratuito sono i giudizi tranchant. Ciani, nella sua classe, lo ha già fatto, proponendo agli studenti di sostituire i voti con delle “lettere” colloquiali che analizzano verifiche e interrogazioni senza esprimere valutazioni numeriche.

“In questo modo i ragazzi non patiscono lo stress del voto, evitano la competizione e abbandonano l’ansia da prestazione rispetto ai genitori. Solo così è possibile trovare le motivazioni profonde per lo studio, apprendendo di più e meglio” sostiene Ciani, che poi aggiunge: “Certo, lavorando ancora nel quadro della scuola del profitto, purtroppo alla fine dell’anno sono costretto a mettere i voti in pagella”. Ma è una prassi a cui il professore rinuncerebbe molto volentieri, così come rinuncerebbe a tutte quelle prove – a partire dai test Invalsi– che valutano gli alunni con medie e griglie matematiche molto precise: “Si tratta di strumenti obsoleti, incapaci di leggere la realtà e che puntano all’efficientismo – attacca Ciani – senza considerare il percorso soggettivo di ogni studente”.

Sempre nel suo istituto, d’accordo con tutti i professori di scienze della scuola, Ciani ha anche fatto scegliere agli studenti il manuale che avrebbero usato nel corso dell’anno, distribuendo tra i ragazzi i libri proposti dalle case editrici e lasciando loro la possibilità di votare il testo preferito: “La scuola ha il dovere di responsabilizzare gli alunni. L’obiettivo dell’istruzione, in fin dei conti, è quello di formare dei cittadini, facendo comprendere ai ragazzi il valore della scelta e della partecipazione. In altre parole, il compito dei professori è quello di insegnare la democrazia”.

Anche se non mancano le critiche contro un approccio pedagogico definito dai detrattori buonista e inefficace, le idee alla base della scuola del gratuito stanno progressivamente diffondendosi, soprattutto nei sistemi d’istruzione scandinavi. Ma il dibattito è aperto anche altrove, ad esempio in Francia, dove qualche anno fa un manifesto favorevole all’abolizione dei voti – firmato da educatori, artisti e politici – ha innescato un vivace confronto.

Primo firmatario di quell’appello, il celebre scrittore e insegante (con un passato da studente somaro) Daniel Pennac, autore della più feroce critica mai espressa al sistema dei voti in classe: “Il Voto, la malattia infantile dell’educazione. Il voto è la sorgente della paura preventiva, quella che ci portiamo dietro e che non se ne va più. Il voto è la valutazione. E’ il giudizio. E’ il sospetto che si annida dentro l’alunno, dentro il maestro. Il voto è la vergogna dell’essere somaro. E genera la vergogna dei genitori. E’ la vergogna e la resa di un insegnante. E’ per ultimo la resa di un’intera società. Che finisce solo per preoccuparsi dell’identità, dell’immagine. Di un fantasma”.

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore