L’impiegato eroe del Festival di Sanremo? Un ex dirigente da 125mila euro all’anno

Ricordate la storia di Salvatore Nicotra, l’impiegato eroe del Festival di Sanremo, che non si è mai assentato per malattia in 40 anni di lavoro? Bene: in realtà era un ex dirigente da 125 mila euro all’anno di stipendio. Perché Carlo Conti e Maria De Filippi hanno taciuto questa parte di verità?

Salvatore Nicotra a Sanremo, tra Carlo Conti e Maria De Filippi
Salvatore Nicotra a Sanremo, tra Carlo Conti e Maria De Filippi

Il clamoroso retroscena è stato raccontato dalla giornalista Barbara Pavarotti per La Voce delle Voci. Ed è qualcosa che fa sobbalzare dalla sedia. Che fa incazzare, perché essere presi in giro in questo modo è davvero troppo.

Ma veniamo ai fatti.

Ricorderete l’impiegato-modello catanese Salvatore Nicotra, classe 1948, 40 anni di lavoro senza mai una malattia o un giorno di assenza.

Colui che ha regalato al comune di Catania 239 giorni di ferie non godute.

Un eroe del quotidiano, ha detto Maria De Filippi durante il Festival, che al mattino si sveglia, va a fare il suo lavoro per portare soldi alla famiglia. Alla faccia dei tanti dipendenti pubblici fannulloni.

TRA VERITÀ E POST-VERITÀ

Ma, guardando su Google il suo curriculum, non abbiamo trovato un modesto impiegato incollato alla scrivania e a un lavoro ripetitivo, seppur fondamentale, bensì un alto dirigente in giro per convegni, seminari , delegato del sindaco presso varie società, presidente di commissioni e pure iscritto all’albo regionale dei direttori generali delle aziende Usl e ospedaliere della regione siciliana.

Nulla di tutto ciò è stato detto sul palco dell’Ariston, con Salvatore Nicotra – persona sicuramente semplice e squisita – impegnato nel ruolo costruito dagli autori di umile impiegato, monito per un’Italia dove, se fossero tutti come lui, la pubblica amministrazione non avrebbe pecche.

Giudicate voi stessi il suo curriculum, dove spicca la qualifica di 1^ fascia.

UN DIRIGENTE MOLTO IMPEGNATO

Altre notizie sui mille impegni professionali dell’eroe del quotidiano le fornisce il giornale Sud in un articolo del 1 aprile 2014 in occasione del pensionamento di Nicotra:

“Nicotra dal 1986 a oggi è stato direttore dell’Ufficio del Segretario generale e ha ricoperto, ad interim, la carica di direttore del settore Famiglia e Politiche sociali e dell’Ufficio traffico urbano, dall’ottobre del 2007 al febbraio del 2008, è stato anche Segretario generale reggente, presidente della Commissione edilizia e del Nucleo di Valutazione oltre che componente del Collegio di Difesa. Nicotra è stato anche direttore per due anni – dal 2003 al 2005 per nomina prefettizia – del Comune di San Giovanni La Punta, sciolto per mafia, e segretario generale dell’Istituto per ciechi Ardizzone Gioeni”.

Ecco qua. Perché persino a Sanremo ci devono dire balle?

L’oscuro impiegato modello era in realtà un dirigente di alto grado e, come tutti i dirigenti, molto amante del proprio lavoro. Con la fortuna, rispetto a tante altre persone, di godere di ottima salute che gli auguriamo per altri 100 anni. E la retribuzione? Adeguata.

UNO STIPENDIO DA 125.000 EURO ALL’ANNO

La riporta sempre il giornale Sud in un articolo del 13 novembre 2013 sui considerevoli stipendi dei dirigenti comunali catanesi.

Salvatore Nicotra percepiva una retribuzione di 125.450 euro lordi annui. Il che fa, stando alla tabella del giornale, 69.715 euro netti.

Ovvero 5.800 euro al mese.

Retribuzioni Dirigenti Comune di Catania 2012
Retribuzioni Dirigenti Comune di Catania 2012

Via, per quasi 6.000 euro mensili netti si lavora sempre volentieri.

Questa edificante storia Carlo Conti e Maria De Filippi e tutto il circo di Sanremo ce la potevano pure risparmiare. Per essere realisti dovevano invitare sul palco dell’Ariston uno dei tanti dipendenti pubblici i cui stipendi medi si aggirano sui 27.000 euro all’anno. Lordi. Il che fa poco più di mille euro al mese. E che magari alle loro ferie ci tengono, tanto per portare al mare la famiglia.

Ma la narrazione sarebbe stata meno eclatante, in quanto questa è la storia che vivono milioni di persone.

Oppure presentare il dottor Nicotra diversamente: “Ecco a voi il bravo e importante ex dirigente del comune di Catania, talmente pieno di impegni da preferire il suo interessante lavoro allo stare sotto l’ombrellone d’estate ad annoiarsi”.

Tutto qui. Questione di verità e di non propinare bufale agli italiani che fanno bene, molto bene a non credere più a nulla. Dalla tv di stato ci si aspetterebbe una correttezza diversa.

Loading...

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore