Risparmiare acqua in casa. Ecco le regole d’oro

acqua regole doro per risparmiare

Innaffiare le piante la sera, scegliere elettrodomestici in classe A, lavare i piatti in una bacinella: basta poco per ridurre gli sprechi di acqua in casa.

 

L’acqua è un bene prezioso da non sprecare. In cucina e in bagno, spesso consumiamo più acqua di quella  che realmente ci serve. Eppure,ridurre gli sprechi e le spese in bolletta si può: per risparmiare acqua in casa basta seguire infatti alcune semplici mosse dal risultato garantito.

COME RISPARMIARE ACQUA IN CASA – Ecco quindi tutti gli accorgimenti da mettere in pratica nelle nostre case ogni giorno per non sprecare acqua:

Applicate un riduttore di flusso ai rubinetti di casa: l’acqua si miscela con l’aria, risparmiando fino al 30 per cento di acqua.

Scegliete la doccia invece del bagno: in media, riempire la vasca comporta un consumo d’acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia.

Tenete aperto il rubinetto solo per il tempo necessario.

Acquistate elettrodomestici di classe A+progettati per ridurre il consumo di acqua. Il prezzo d’acquisto forse sarà più alto ma il vantaggio in termini di risparmio energetico e durata ripagherà la cifra spesa.

Effettuate i lavaggi in lavatrice e lavastoviglie solo a pieno caricoe pulite periodicamente il filtro dell’elettrodomestico. Occhio anche alla quantità di detersivo utilizzato: lavatrici e lavastoviglie di buona qualità funzionano perfettamente anche solo con la metà della dose indicata nelle confezioni. Evitate inoltre i lavaggi a temperature molto elevate: ad esempio, per quanto riguarda i capi da lavare in lavatrice, le temperature intorno ai 50-60 gradi sono più che sufficienti e fanno durare di più i tessuti.

Per stirare, optate per il ferro a vapore con il serbatoio ad acqua: permette di rinunciare ai vari additivi e appretti per lo stiro, che inquinano e di cui si può fare a meno.

Lavate piatti, frutta e verdura in una bacinella e usate l’acqua corrente solo per il risciacquo.

Riutilizzate l’acqua adoperata per lavare le verdure per innaffiare il giardino.

Innaffiate le piante di sera: dopo il tramonto l’acqua evapora più lentamente.

In bagno, scegliete uno sciacquone con lo scarico differenziato e doppio pulsante.

Fate un controllo periodico chiudendo tutti i rubinetti: se il contatore dell’acqua gira lo stesso c’è una perdita.

Quando lavate l’auto, usate il secchio e la spugnasi risparmia molta acqua rispetto al getto della canna.

Raccogliete l’acqua piovana e quella dei climatizzatori e sfruttatela per gli usi non potabili, ad esempio per lavare l’auto e innaffiare il giardino.

Provvedete a una corretta manutenzione: un rubinetto che perde una goccia al secondo disperde in un anno circa 5.000 litri.

...