Energia rinnovabile a quota mille miliardi di watt: ecco come averla anche in casa

Gli italiani si stanno orientando verso un ambiente domestico sempre più rispettoso della natura, privilegiando tutti quei comportamenti che fanno bene all’ambiente e riducono l’inquinamento.

Ecco dunque che gli elettrodomestici vengono scelti secondo la classe di consumo, l’arredo è sempre più eco-compatibile, le vacanze sono all’insegna del rispetto e della riscoperta della natura, e il tema delle energie rinnovabili è sempre più sentito, a partire dalle abitazioni e dai consumi di ogni singolo cittadino.

energia solare
Un campo di pannelli fotovoltaici per produrre energia solare

Le prospettive delle rinnovabili

In Italia già da tempo si sta sviluppando la produzione di energia dalle diverse fonti naturali e rinnovabili, tra cui l’Eolico e il Fotovoltaico sono state finora privilegiate in termini di installazioni e produzione energetica.

Infatti quest’anno, secondo una ricerca di Bloomberg, il comparto delle fonti energetiche rinnovabili ha raggiunto la soglia dei mille miliardi di Watt generati, con investimenti abbondantemente ridimensionati rispetto ai costi dei primi impianti.

Questi stessi costi dovrebbero ridursi ulteriormente nei prossimi 5 anni, tanto che per raddoppiare la produzione e arrivare a quota 2 terawatt sarà necessario un investimento economico pari alla metà dell’attuale.

Intanto le tecnologie fanno progressi anche dal punto di vista della produttività, sia per quello che riguarda l’accumulo, per coprire i periodi di mancata produzione per assenza di sole e di vento, sia per quello che riguarda la capacità di produrre energia delle cellule fotovoltaiche e delle turbine.

Tanto che se in Europa e in USA si è raggiunta la tanto invocata soglia della Grid Parity, il resto del pianeta si sta adeguando in gran fretta, soprattutto nel settore del fotovoltaico, con la Cina in testa. Quello delle rinnovabili è dunque un settore in forte crescita e in grado di attirare sempre più investimenti per ricerca e innovazione.

Le rinnovabili a casa propria

infografica energie rinnovabili
La produzione di energia rinnovabile in Italia entro il 2050

Oggi riuscire ad usare le energie rinnovabili per alimentare la casa è sempre più facile, soprattutto se si hanno gli spazi per montare qualche pannello fotovoltaico o solare-termico per autoprodursi l’energia o l’acqua calda.

Ma anche coloro che non hanno la possibilità di installare impianti particolari, o che non vogliono fare interventi su tetti e terrazze, possono usufruire della cosiddetta energia verde, che aiuta il pianeta e rispetta l’ambiente.

Infatti è sufficiente fare un contratto con un distributore verde, come Accendi luce e gas di Coop, che fornisce l’opzione per avere solo energia proveniente da fonti rinnovabili attive sul territorio.

Oltre a scegliere con attenzione il proprio fornitore elettrico, esistono poi anche altri metodi per rendere il proprio stile di vita davvero green: si inizia dal ridurre i consumi, ad esempio sostituendo tutte le lampadine tradizionali con quelle a led, o installando dei regolatori di temperatura ai caloriferi, montando degli infissi a taglio termico, che tra l’altro rientrano in quegli elementi che danno diritto a uno sconto sulle detrazioni fiscali.

L’importante è tenere sempre a mente l’obiettivo del risparmio energetico nella vita di tutti i giorni, ad esempio quando si sceglie un elettrodomestico è bene preferire quelli di classe energetica di fascia alta, o ad esempio sostituire la vecchia caldaia con una di nuova generazione a condensazione.

Come riscaldare una casa a basso costo e a basso consumo con la caldaia a condensazione
Come riscaldare una casa a basso costo e a basso consumo con la caldaia a condensazione

Essere verdi fa bene alla natura e al portafoglio

Rispettare l’ambiente, facendo scelte di risparmio energetico, non solo aiuta la natura, ma riduce anche i costi della gestione domestica, senza però intaccare comodità e benessere.