Sniper russo stabilisce il nuovo record mondiale di tiro (4.2 km): ecco chi è

Andrey Ryabinsky SVLK-14
Lo sniper russo Andrey Ryabinsky imbraccia il suo SVLK-14 e si prepara al tiro da record

Lo sniper russo Andrey Ryabinsky sostiene di essersi allenato per 8 anni con un unico obiettivo in testa: stabilire il record mondiale di tiro dalla distanza.

Oggi si dice un uomo soddisfatto, visto che ha battuto di oltre mezzo miglio il precedente record detenuto da un cecchino del Canadian Army.

Il tiro di Ryabinsky, infatti, è stato sparato da 2.6 miglia, vale a dire 4.2 chilometri, e ha raggiunto il bersaglio in 13 secondi netti.

Parliamo di una distanza apparentemente impossibile. Per quasi tutti, tranne che per Ryabinsky.

Andrey Ryabinsky sniper record del mondo

Se il tiratore scelto canadese aveva colpito con un McMillan Tac-50, lo sniper russo ha infranto il vecchio record grazie ad uno speciale SVLK-14 “Twilight”, prodotto dall’azienda russa Lobaev.

L’arma è realizzata con fibra di carbonio, Kevlar e fibra di vetro ed è stata progettata per l’utilizzo specifico di munizioni potenti.

Il fucile carica proiettili .40 Lobaev, che pesano appena 27 grammi ma hanno una devastante potenza distruttiva.

Il nuovo record mondiale di tiro è dello sniper russo Ryabinsky (e dei suoi spotter)

Lo sniper Ryabinsky, dopo aver raccontato di essersi allenato per otto lunghi anni in preparazione di questo tiro da record, si è congratulato con il suo team che lo ha aiutato a raggiungere l’incredibile obiettivo:

“Io ho sparato ma è stato solo grazie al lavoro di squadra e alla grandissima professionalità di ogni membro del team che ho potuto stabilire il nuovo record mondiale nel tiro dalla distanza.

Yuriy Sinichkin, Evgeny Titov e Vladimir Grebenyuk sono i miei spotter.”

Chi sarà il prossimo a battere lo sniper russo?

Post Scriptum

L’unica differenza, seppur sostanziale, tra il russo e il canadese sta nel fatto che il cecchino del Canadian Army, membro della Joint Task Force 2, aveva colpito (da 3.5km) in battaglia, contro i terroristi dell’Isis in Iraq. Il russo, invece, ha stabilito il nuovo record in un ambiente non ostile.

Loading...