Sicurezza, Difesa e Intelligence

Militari italiani in addestramento anti sommossa in Kosovo

Militari italiani e moldavi si addestrano insieme ai genieri ucraini per garantire la libertà di movimento nel settore occidentale del Kosovo.

Come riporta un comunicato della Difesa, militari italiani e moldavi del Multinational Battle Group – West (MNBG-W) hanno condotto, insieme ad un Plotone di genieri ucraini, un addestramento congiunto denominato “Freedom of Movement Detachment” volto alla rimozione di ostacoli o blocchi stradali per garantire la libertà di movimento in caso di gravi disordini o manifestazioni di masse violente.

Tale particolare attività rientra nell’ambito delle più generali operazioni di  controllo della folla previste dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che definisce i compiti del MNBG-W di KFOR tesi a garantire la sicurezza del Monastero di Decane come primi responsabili (first responder), a controllare e a mantenere la libertà di movimento nel settore occidentale del Kosovo e a sviluppare progetti della Cooperazione Civile e Militare (CIMIC).

L’addestramento congiunto è un momento fondamentale di crescita professionale reciproca che migliora l’interoperabilità e promuove la standardizzazione delle procedure tra le diverse unità multinazionali di KFOR.

Il Multinational Battle Group West (MNBG-W) è un Comando multinazionale di KFOR a guida italiana, su base 3° Reggimento Artiglieria da Montagna della Brigata Alpina “Julia”, composto da circa 650 uomini e donne appartenenti ai quattro contingenti di Italia, Austria, Moldavia e Slovenia.

Guarda il video

fonte Difesa.it
Loading...