Il momento esatto dell’attentato a Manchester dopo il concerto di Ariana Grande

un papà con la figlia dopo l'attentato al concerto di manchester ariana grande
Un papà con la figlia dopo l’attentato

Almeno 19 morti, tra cui dei bambini, e 50 feriti. Questo il primo bilancio dell’attentato terroristico che ha colpito ieri la Manchester Arena dopo il concerto di Ariana Grande. Uno spettatore è riuscito a riprendere in video il momento esatto dell’esplosione.

Secondo il capo della polizia di Manchester Ian Hopkins:

Il kamikaze è morto sulla scena dopo aver attivato l’esplosivo.

Al momento gli inquirenti stanno cercando di capire se l’uomo avesse dei complici e se questi sono in fuga.

ian hopkins capo polizia manchester
Ian hopkins, Capo della Polizia di Manchester

Attentato a Manchester: le testimonianze shock

La Manchester Arena, con i suoi 21 mila posti, è il secondo palazzetto più grande d’Europa. E ieri era gremito in ogni ordine di posti. I giornalisti inglesi hanno raccolto testimonianze scioccanti.

Evie Brewster, una donna presente al concerto, ha parlato con il Daily Mail:

Ariana Grande aveva appena terminato la sua ultima canzone e aveva lasciato il palco quando abbiamo sentito una grande esplosione. All’improvviso tutti hanno iniziato a urlare e a correre verso l’uscita.

David Richardson, invece, aveva accompagnato la figlia Emily al concerto e al Manchester Evening News ha dichiarato:

Le persone stavano iniziando a uscire, mi sono girato a sinistra e ho sentito un’esplosione. Era a 12 metri da noi, vicino a un’uscita. Abbiamo pensato che fossero persone che facevano casino, quando si è sentita un’altra esplosione. A quel punto abbiamo visto fumo, tutti sono scappati.

L’attentato di Manchester si poteva prevedere?

Probabilmente è ancora troppo presto per rispondere a questa domanda. Ma non è casuale che sia accaduto proprio a Manchester, città definita dagli esperti un serbatoio jihadista per l’Isis.

Lì vive una storica comunità pachistana, dove spesso i predicatori di Al Qaeda hanno fatto proselitismo.

Già, Al Qaeda. Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato che il figlio di Osama Bin Laden ha preso in mano le redini dell’organizzazione terroristica e vuole rilanciare la sfida a chi ha ucciso il padre.

L’attacco ancora non è stato rivendicato ma i segnali vanno tutti in un’unica direzione.

Il momento esatto dell’esplosione – Video

 

Loading...

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore