L’indecisione del Governo si ripercuote sui conti pubblici, che scivolano sempre più in basso

È vero che molti ostacoli questo governo è riuscito a evitarli rinviando il problema, ma sarà il caso che si comprenda che questa volta non sarà possibile risolvere stabilendo per decreto il rinvio del 31 dicembre e della fine dell’esercizio finanziario.

 

Cresce di giorno in giorno la preoccupazione per la flemma olimpica con cui gli esponenti del governo continuano a dibattere in merito all’abrogazione della seconda rata dell’Imu, in assenza totale di passi in avanti sul fronte del l’individuazione delle necessarie coperture.

Preoccupazione tanto maggiore se si considera che ciò avviene in un contesto di chiusura dei conti per il 2013 che si presenta a dir poco problematico anche a prescindere dal fatto di essersi lasciati impiccare ai ricatti del Pdl, posto che è già chiaro oggi che la definizione agevolata dei contenziosi per gli operatori del settore dei giochi non porterà i risultati di gettito sperati e si renderà necessario attivare le clausole di salvaguardia per un paio di centinaia di milioni di euro.
Questo vorrebbe dire scaricare sul mese di dicembre 2013 un aumento delle accise sui carburanti a dir poco insostenibile.
È il momento di prendere delle decisioni e, francamente, restano poche soluzioni convincenti e realistiche a parte il piano di rivalutazione delle quote di Banca d’Italia che garantirebbe in tempi rapidissimi gettito per oltre 2 miliardi dalle banche, per altro con loro piena soddisfazione, posto che sono le prime a spingere per questa misura che, seppur onerosa, determinerebbe effetti molto positivi per la loro patrimonializzazione e, a cascata, per l’aumento dei volumi di credito a favore delle imprese.

È vero che molti ostacoli questo governo è riuscito a evitarli rinviando il problema, ma sarà il caso che si comprenda che questa volta non sarà possibile risolvere stabilendo per decreto il rinvio del 31 dicembre e della fine dell’esercizio finanziario.

Loading...

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore