Sicurezza, Difesa e Intelligence

(MALA)SANITÀ/ La nostra inchiesta su Il Giornale: 175.000 € per i filtri dell’acqua, ma in ospedale manca l’ascensore

“Meglio avere acqua cristallina, tipo sorgente di Alpi svizzere”, racconta Francesco Cramer su Il Giornale, “che non la normale acqua di rubinetto. La cosa fa però un po’ specie se i filtri andranno a servire anche il celebre (in negativo) ospedale Veneziale di Isernia […] dove il blocco chirurgia è irraggiungibile per i malati e la sala operatoria ospita macchinari intonsi ma inutilizzati e inutilizzabili.” Di ascensori per accedere alla sala operatoria nemmeno l’ombra, ma i filtri dell’acqua, quelli non mancano, scrivevamo qualche giorno fa nella nostra inchiesta sull’Ospedale di Isernia, ennesimo caso dove lo iorismo ha offerto il meglio/peggio di sé.

di Redazione Infiltrato.it

Aspettando lunedì, giorno in cui pubblicheremo l’intervista realizzata con Angelo Percopo, Direttore Generale dell’Asrem, cui abbiamo chiesto conto di tutta una serie di “scandali e scandaletti”, oltre che del malfunzionamento del sistema sanitario, è Il Giornale a puntare i riflettori sul Molise, in particolare sull’Ospedale di Isernia.

Riprendendo le nostre inchieste sull’ascensore che non c’è e sui 175.000 spesi per i filtri per l’acqua, Francesco Cramer accusa l’Asrem di sprecare risorse pubbliche, di “costruire una macchina costosissima dimenticandosi le portiere”, con una programmazione a dir poco carente.

Ma lo spauracchio paventato da Cramer – e viste le premesse tutto è possibile – riguarderebbe “un ulteriore incremento delle aliquote fiscali di Irap e addizionale regionale all’Irpef per l’anno d’imposta in corso, rispettivamente nelle misure di 0,15 e 0,30 punti.

Detto in soldoni: “più tasse” sui contribuenti, che si ritrovano una sanità pubblica ferita dal malgoverno regionale e tasche più leggere. Perché qualcuno deve pur pagarli certi errori e di solito a pagare sono sempre i cittadini…

Loading...