RETROSCENA/ 2 Berlusconi e la malavita organizzata – ore contate

La prima parte di questa ricostruzione di Rita Pennarola evidenziava come le indagini della DDA, relativamente all’affaire Noemi, rivelassero pressioni della criminalità organizzata sul premier Silvio Berlusconi. Il retroscena dei rapporti tra mafie e Presidenza del Consiglio riparte da una domanda: perchè il Premier tace?

 

BERLUSCONI ZITTO

Si è mai visto un capo del governo che, a fronte di risultati così rilevanti nel contrasto alla malavita organizzata, non abbia mai espresso, nel corso dei mesi, operazione dopo operazione, almeno un cenno ufficiale di plauso o soddisfazione, anche al solo scopo di gonfiare il petto per le brillanti prestazioni di un ministro del suo governo?
Niente. Silenzio assoluto del premier, prima, durante e dopo il caso Noemi.

Ed oggi, ferme restando le indagini top secret su Benedetto Letizia, quel silenzio si trasforma in un ulteriore, decisivo elemento per comprendere la guerra sottobanco dichiarata al premier. Prima dalla camorra. E poi, proprio per questo, dalla parte non compromessa del suo esecutivo. Secondo la ricostruzione avanzata il mese scorso dalla Voce – e finora mai smentita – quella maledetta domenica sera del 26 aprile Berlusconi, dopo aver cercato con ogni mezzo di sottrarsi, fu costretto a mostrarsi nella sala cerimonie di Casoria per dare un segnale eloquente a chi di dovere. Un ricatto, una minaccia grave pendevano sul suo capo ad opera di boss capaci di passare da affari milionari in mezzo mondo ad attentati sanguinari rivolti alle singole persone. L’attrezzatura non manca.

Sulle ragioni di quel ricatto si possono avanzare numerose ipotesi. A cominciare – come abbiamo fatto nell’inchiesta della Voce di giugno – da quello schiaffo in piena faccia agli affari dei clan che il tandem Berlusconi-Guido Bertolaso ha inferto con l’apertura dell’inceneritore di Acerra, destinato a mandare letteralmente “in fumo” traffici da milioni e milioni di euro cash gestiti fino ad allora dagli Scissionisti coi Casalesi. E tutto questo, benché a liberare Napoli da tonnellate di pattume in meno di due settimane fossero state anche imprese in odor di camorra (è accertato che il settore, nel capoluogo partenopeo e provincia, è gestito dai clan in regime di monopolio).
Alla luce dell’inchiesta aperta dalla Procura di Bari sui giri di “squillo” e starlette che avrebbero frequentato Palazzo Grazioli e Villa Certosa grazie alle mirabolanti iniziative dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini, potrebbero ora aprirsi scenari paralleli.

NOEMI ANCH’IO

Quale che sia stata la molla che aveva obbligato Berlusconi alla “discesa di Casoria”, la popolarità che da allora ha circondato Noemi Letizia (con il conseguente valore aggiunto sul suo nome in caso di apparizioni televisive, serate, vendita di servizi fotografici, etc.) non poteva non fare gola ad altre, ben più spregiudicate frequentatrici delle magioni presidenziali. Soprattutto se si tratta di persone senza scrupoli, avvezze a trarre benefici dalle loro prestazioni anche attraverso l’uso di registratori nascosti, arma suprema per i ricatti.

La costola dell’inchiesta barese condotta dal pm Giuseppe Scelsi sulla presunta induzione alla prostituzione (di persone, peraltro, che paiono essere tutt’altro che estranee a quella attività) trova il suo momento clou con l’arrivo spontaneo in Procura della escort Partizia D’Addario. La quale, in un primo momento, si mostra come una donna irreprensibile irretita dai lupi mannari.

Poi viene fuori il suo passato. Quello vero. Ed emerge, fra l’altro, l’inquietante amicizia con Marisa Scopece, la giovane prostituta d’alto bordo brutalmente assassinata e data alle fiamme nelle campagne baresi, a settembre 2007. Pare che avesse deciso di parlare, di fare i nomi dei personaggi altolocati ai quali si accompagnava. In quell’occasione gli inquirenti risalirono alla D’Addario grazie ai tabulati telefonici della donna uccisa. Ai pubblici ministeri lei confermò il legame con Marisa e la comune amicizia con «molte altre persone».
Da Patrizia “Brummel” D’Addario in poi, e dalla sua consegna “spontanea” della audiocassette sulle feste presidenziali, scatta la ressa di pseudo-veline pronte a raccontare di aver preso parte ai bagordi in casa del premier. Un diluvio di “rivelazioni” gossippare. «Un exploit – fa notare un esperto di intelligence – molto simile a quelli che i manipolatori degli effetti mediatici fanno scattare per coprire altre verità, per mettere la sordina a fenomeni ben più gravi, che così sfuggono al controllo dell’opinione pubblica».

Al momento non è chiaro se lo “spontaneismo” della D’Addario sia stato dettato da ambizioni personali, o invece pilotato da qualcuno che doveva infliggere il colpo di grazia a Berlusconi, per allontanare dai vertici dello Stato un uomo invischiato in manovre camorristiche tali da mettere in pericolo la sicurezza del Paese. Ad onta dell’affollamento di sempre nuove ragazze pronte a “vuotare il sacco” in cambio di notorietà, alcuni elementi farebbero propendere per la seconda ipotesi. In primo luogo la compresenza nel Pdl, nell’esecutivo nazionale e nei governi locali di destra, di personaggi tirati in ballo da pentiti o da rapporti delle commissioni d’accesso in comuni sciolti per mafia (vedi Sant’Antimo e vedi il neo presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro), accanto a figure che – in primis i leghisti – alla malavita organizzata partenopea la guerra l’avevano dichiarata in tempi non sospetti. Ed ora hanno impresso la accelerata finale.

«Se un asse sotterraneo per il de profundis politico a Berlusconi esiste – viene sottolineato in ambienti investigativi romani – vede certamente in primo piano la parte “pulita” del governo e del Pdl». Che avrebbe incontrato come alleata, lungo la strada, la Puglia di quel Massimo D’Alema che la partita di fine anni novanta col Cavaliere l’ha chiusa da tempo. Ed oggi si trova, per puro “caso”, ad annunciare con ventiquattr’ore di anticipo, dai microfoni di Lucia Annunziata, quella “scossa” in arrivo da Bari destinata a segnare l’uscita di scena dell’uomo di Arcore. Una vicenda che passa per le mani di un pubblico ministero di Magistratura Democratica. E per una Procura che ha sede nell’enclave PD del sindaco Michele Emiliano. Ex magistrato.

E’ il “complotto” di cui parlano il ministro per gli affari regionali Raffaele Fitto e il Giornale? «Più che altro – spiega la nostra “fonte” – una cordata. Un’alleanza anomala che nasce per motivi di stabilità democratica». In ballo ci sarebbero le sorti di un Paese il cui premier deve rispondere alle richieste dei clan. Ma questo, finora, nessuno ha avuto il coraggio di ammetterlo.

 

Tratto da La Voce delle Voci di Luglio 2009

 

Loading...