Soros vende tutte le azioni Bank of America, JP Morgan e Citigroup: guai in vista per il sistema bancario?

George Soros

Quando si muove lui, George Soros, lo squalo per eccellenza della finanza mondiale, succedono sempre sconquassi. Nel ’92 fece crollare la lira e svalutare la sterlina, nel ’97 contribuì al crollo dei mercati asiatici. E mentre le maggiori banche d’affari impartiscono ordini perentori a Renzi – Deutsche Bank ci dice come e quanto privatizzare, Ubs consiglia di chiudere l’Ilva e Goldman Sachs predice le mosse della Bce – a qualcuno è sfuggita l’ultima trovata dello speculatore Soros: come scrive Informarexresistere, ha venduto tutte le sue azioni di Bank of America, JP Morgan e Citigroup. Occhi aperti, allora, potrebbe essere un chiaro indizio di un imminente crisi del sistema bancario.

Poco più di due decenni fa il banchiere George Soros ha fatto il suo più famoso investimento cortocircuitando la sterlina britannica e intascando un miliardo di dollari nel processo.

Da allora è diventato famoso per le scommesse sui crolli del mercato azionario e in alcuni casi anche nel forzare i mercati a fallire per il proprio guadagno.

Solo pochi mesi fa, Soros ha fatto notizia facendo uno scommessa in miliardi di dollari contro l’S&P 500. Al momento questo si è detto essere un segno di guai in vista per l’economia degli Stati Uniti, giacché Soros è sembrato aver avuto conoscenza anticipata degli incidenti occorsi nel mercato passato. 

Come risultato di questa reputazione, gli investitori hanno cominciato a tenere d’occhio i suoi asset.

Questa settimana gli investitori hanno preso di nuovo avviso quando Soros ha venduto le sue azioni delle tre maggiori banche americane, tra cui Bank of America, JP Morgan e Citigroup.

Il Wall Street Journal ha riportato che:

“George Soros ha scaricato le sue partecipazioni in banche e si è rivolto alla tecnologia e alle miniere d’oro nel primo trimestre, secondo un filing con la Securities and Exchange Commission Giovedi. Soros ha venduto le sue partecipazioni in Citigroup (NYSE: C), JP Morgan (NYSE: JPM) e Bank of America (NYSE: BAC)”. 

Nel febbraio 2009, Soros ha detto che il sistema finanziario mondiale si era effettivamente disintegrato, aggiungendo che non vi era alcuna prospettiva di una risoluzione a breve termine alla crisi

“Abbiamo assistito al crollo del sistema finanziario… E ‘stato tenuto in vita, ed è ancora in vita. Non c’è nessun segno che siamo ovunque vicino alfondo “.

Loading...

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore