Droga a un 12enne, lo spacciatore è il bidello

Per la serie: non ci sono più i bidelli di una volta. Quelli che se ti beccavano a fumare una canna in bagno avvisavano i tuoi genitori. Il mondo cambia e anche i bidelli cambiano. È di poche ore fa la notizia di un bidello arrestato a Rimini, perché beccato a vendere droga a un 12enne. E poi dici che andare a scuola aiuta…

Carabinieri bidello arrestato
Immagine di repertorio

È il giornale Il Resto del Carlino a raccontare i fatti:

“Quando i carabinieri della Compagnia di Rimini hanno fermato lo spacciatore del 12enne, hanno scoperto che era anche il bidello della scuola frequentata dal ragazzino. Un 25enne campano, trapiantato a Rimini per lavorare in un istituto della provincia.”

Un bidello di 25 anni? Ai miei tempi l’età media era leggermente più alta, diciamo anche il doppio.

I dettagli raccontano lo stupore degli agenti di fronte a un bidello che vende droga a un ragazzino di appena 12 anni:

“Gli investigatori del Nucleo operativo sono già sulle tracce del 25enne. Quel giorno lo tengono d’occhio e lo seguono fino in viale Vespucci. Ha l’aria di avere un appuntamento, sicuramente con un cliente. Ma quando vedono il ‘cliente’ in questione, rimangono a bocca aperta, è un ragazzino che, si è scoperto poi, ha solo 12 anni.

I militari vedono i due che si parlano e questo che allunga dei soldi all’altro, per poi avviarsi verso la spiaggia. Il bidello invece si dirige verso un condominio lì vicino. Scende di lì a poco e va dritto verso la spiaggia, dove lo sta aspettando il ragazzino. Gli passa la bustina: dentro ci sono circa 4 grammi di hashish. I due prendono quindi direzioni diverse, ma entrambi vengono fermati di lì a qualche minuto.”

Ma il meglio (o il peggio, fate voi) della storia deve ancora venire, perché il 12enne ha raccontato ai carabinieri che:

“Quella non era la prima volta che il bidello gli vendeva il ‘fumo’, ma ha assicurato che lui era il suo unico cliente.”

Il ragazzino non se l’è cantata.

E in fondo, oggi non si chiamano nemmeno più bidelli ma collaboratori scolastici.

Loading...

Potrebbe piacerti anche Altri dello stesso autore