Nokia senza limiti, presto in arrivo un altro tablet

nokia prepara subito altro rablet

All’inizio dell’anno prossimo arriverà un tablet da 8″ per chiudere il gap fra la tavoletta e il phablet presentati a ottobre.

 

Non ha quasi fatto in tempo a finire l’evento di Abu Dhabi che Nokia sta facendo ancora parlare di sé. Da una parte ci sono i dati Kantar appena usciti, che riguardano la diffusione dei sistemi operativi mobile e, soprattutto nel nostro paese, dipingono per la casa dei Lumia un quadro lusinghiero. Dall’altra ci sono le informazioni appena trapelate dal non ufficiale, ma ugualmente affidabile , l’account Twitter specializzato nel trafugare foto e informazioni sui dispositivi hi-tech in arrivo dai produttori più blasonati.

In particolare, dopo la partenza a scoppio ritardato nel campo di tablet e phablet (i primi made in Nokiasono stati presentati a ottobre), sembra che i finlandesi abbiano in canna un altro colpo di grosse dimensioni. Il prossimo tablet in arrivo infatti è un dispositivo da 8″ di diagonale, che dovrebbe essere arrivare sul mercato non più tardi del primo quadrimestre del 2014.

L’esistenza del mini tablet (nome in codice Illusionist) è stata confermata anche da The Verge e chiude l’unica taglia rimasta orfana di rappresentanza nella gamma Lumia, che ora vanta dispositivi a partire da 3,8″ del 620 fino ad arrivare ai 10,1″ del nuovo 2520, praticamente senza soluzione di continuità. Gli altri dettagli conosciuti del tablet misterioso sono la presenza di un processore Qualcomm e, di conseguenza, della versione Rt di Windows.

Difficile aspettarsi diversamente da Nokia, che sui processori x86 necessari al funzionamento di Windows 8.1 non ha (quasi) mai lavorato. Sarà curioso però tenere d’occhio la sfida tra la piccola tavoletta finlandese e un altro prodotto equivalente per dimensioni, processore e sistema operativo, presumibilmente in uscita nello stesso periodo: il Surface Mini prodotto da mamma Microsoft.

Se i tue tablettini fossero confermati assisteremmo a uno scontro fratricida, che però non nasce da tendenze autolesioniste dei piani alti di Redmond quanto piuttosto da una questione tecnica: nonostante l’acquisizione Microsoft-Nokia sia ormai cosa fatta, l’accordo non è ancora completamente chiuso. Fino ad allora – si parla di inizio 2014 – le due aziende non possono cooperare e sono tenute a portare avanti i propri piani di rilascio separatamente.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.