Le esplode uno smartphone in tasca: la storia shock di una ragazza francese

smartphone-esplode-in-tasca

“D’un tratto ho sentito un’esplosione, come un petardo, poi un odore strano, chimico, e i miei pantaloni da lavoro hanno cominciato a prendere fuoco”.

 

La protagonista di questa assurda vicenza si chiama Fanny Schlatter, 18enne di Neuchâtel (Svizzera), divenuta famosa suo malgrado perché le è esploso lo smartphone nella tasca dei pantaloni. L’accaduto risale a lunedì scorso, mentre Fanny stava iniziando a lavorare. La giovane apprendista imbianchina è rimasta sconvolta di fronte a quella fiammata gialla che le stava bruciando una gamba. Per fortuna il subitaneo intervento del suo capo, Stéphane Kubler, ha evitato una tragedia: è corso verso Fanny e le ha spento il fuoco addosso, per poi portarla immediatamente in un luogo adiacente al magazzino dove le ha prestato le prime cure.

BATTERIA ESPLOSA – “Sentivo l’odore di carne bruciata”, racconta Stéphane al quotidiano elvetico Le MatinI soccorsi, giunti in tempo, hanno emesso una diagnosi piuttosto grave: ustioni di secondo e terzo grado sulla coscia e sulla mano destra. Inizialmente la ragazza pensava che le fosse esploso l’accendino che teneva in tasca, ma quando ha visto il suo smartphone è rimasta sconvolta: “Era carbonizzato e la batteria era tre volte più grande del solito: l’acido che conteneva ha peggiorato le mie ustioni”.

CAUSA ALL’AZIENDA – Fanny guarirà in circa 45 giorni ma sarà costretta a rinunciare, per ovvi motivi, alle vacanze già prenotate a Maiorca: secondo i medici sole e acqua salata sono assolutamente da evitare. La ragazza intende ora fare causa all’azienda che ha prodotto il suo smartphone, la sudcoreana Samsung, “ma nel frattempo sono alle prese con pomate, garze e tutta la baracca” – racconta sconsolata Fanny.

I PRECEDENTI – Nel 2009, in Cina, un rappresentante di oggetti elettronici è morto dopo che il suo smartphone è esploso alla stessa maniera di quello di Fanny: l’uomo però lo teneva nella tasca interna della giacca e l’esplosione, troppo vicina al collo, gli è stata fatale. La notizia è stata riportata in Italia da Giornalettismo

(foto tratte da Le Matin)

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.