Arriva uno studio shock: “Sarà una strage annunciata, il cellulare causa il tumore”

troppo ellulare causa tumore arriva lo studio shock

Ricorso al Tar contro il governo. “Gli studi degli esperti dicono che i cellulari sono pericolosi”. Come riporta Affari italiani, crociata di un pool di avvocati e cittadini per le scritte choc sul telefonino: “Nuoce gravemente alla salute, come le sigarette. Nei prossimi anni possibile una strage”.

 

Un ricorso al Tar del Lazio perche’ ordini al Ministero della Salute e al Governo di effettuare una immediata campagna di informazione pubblica su scala nazionale sui rischi dell’insorgenza di tumori per l’utilizzo dei telefono cellulare e sulle modalità da attuare per annullare o ridurre l’esposizione: e’ la causa lanciata oggi dall’associazione Apple (Prevenzione e lotta all’elettrosmog) e da Innocente Marcolini, dirigente d’azienda bresciano che ha vinto nel 2012 una causa in Cassazione contro l’Inail ottenendo che fosse stabilito il nesso di causa tra uso del telefono cellulare e il tumore alla testa che lo aveva colpito.

La causa e’ stata predisposta dagli avvocati Renato Ambrosio, Stefano Bertone e Chiara Ghibaudo, dello studio legale Ambrosio e Commodo di Torino. I ricorrenti chiedono che si applichi il principio di precauzione (art. 191 del Trattato sull’Unione Europea) e che, anche in assenza di certezze definitive sul legame causale, ordini in via d’urgenza al Governo di fare un’attivita’ di informazione a fini precauzionali. Il ricorso al Tar e’ stato notificato ai Ministeri della salute, dell’ambiente, dello sviluppo economico e al Miur.

Tra l’altro da ricordare una vicenda dell’autunno del 2012… “Il telefono cellulare comporta possibili rischi”. Qualche ricercatore o esperto lo dice da tempo. Andava in questa direzione anche una missiva del ministero della Salute. Tutto nasce da un cittadino residente in Basilicata, malato di tumore al cervello.

La sua storia, raccontata da Massimo Brancati su la Gazzetta del Mezzogiorno è particolarmente importante. Subito dopo la drammatica diagnosi, l’uomo, un avvocato di Potenza, decide di limitare le esposizioni del suo corpo alle onde del telefonino e comincia a rispondere solo con il “viva voce”.

Ma si tiene lontano anche dalle onde magnetiche delle reti wi-fi. Sì, perché il suo sospetto è che le ore passate al telefonino possano essere state la causa della sua malattia. E ci sono anche studi che gli danno ragione…

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.