Masterchef, bufera su Tiziana: “Il marito coinvolto nello scandalo Fimeccanica”

tiziana_vince_masterchefSecondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano e Dagospia…

 

Una piccola bufera intorno a Masterchef, che è giunto alla puntata conclusiva. Il talent culinario campione di ascolti di Sky ha incoronato come vincitrice Tiziana Stefanelli e la cosa in rete ha creato un pò di subbuglio dato che il nuovo talento dei fornelli, oltre che avvocato (come ben sanno i telespettatori) sarebbe la moglie di Paolo Girasole, numero uno di Finmeccanica in India dal 2009 al marzo 2012. A spiegare meglio è arrivato un articolo de “Il Fatto quotidiano”, riportato da Dagospia: ” Di lei – fa sapere il quotidiano – si sa che è un avvocato di successo e la moglie felice di un marito perfetto.

E chi è il marito della Stefanelli? Paolo Girasole, numero uno di Finmeccanica in India dal 2009 al marzo 2012. Uno degli uomini citati nell’inchiesta sulle presunte tangenti indiane del colosso italiano, secondo quanto dichiara ai magistrati Guido Haschke, l’intermediario svizzero che, con il socio Carlo Gerosa, avrebbe versato materialmente le tangenti alla controparte indiana: “A Girasole ho corrisposto la somma complessiva di 200 o 220mila euro… Non ha avuto alcun ruolo nella vicenda… ma era al corrente di quel che accadeva…”. Insomma, Haschke avrebbe “stipendiato” Girasole “per tenerselo buono”, perché “tutta l’attività in India dipende da lui”.

L’avvocato Stefanelli sostiene di dovere agli anni indiani al fianco del marito la competenza nell’uso delle spezie. Pare però che a Delhi non si sia dedicata solo alla cucina. Il 28 gennaio 2009, la rivista italiana Top Legal pubblica questo lancio: “Stefanelli & Partners [… ] lo studio guidato da Tiziana Stefanelli ha stretto un accordo di collaborazione in esclusiva con O.P.Khaitan &Co e aperto un desk italiano. O.P. Khaitan è una delle più affermate law firm indiane”. Per una coincidenza molto curiosa, fra i titolari dello studio Khaitan figura l’avvocato Gautam Khaitan che, almeno fino ad ottobre 2012, è stato il socio indiano di Haschke e Gerosa. Che di lui dicono: “È la nostra linea del Piave… Gli ordini di riciclaggio li davamo noi, ma il riciclaggio lo faceva lui. È veramente un’associazione a delinquere”.

 

LEGGI DALLA FONTE ORIGINALE – Leggo.it