Sintomi virus Zika, ecco la nota ufficiale del Ministero della Salute

La zanzara Aedes e i sintomi virus Zika

La zanzara Aedes e i sintomi virus Zika

Sintomi virus Zika, il Ministero della Salute ha diramato una nota ufficiale in cui fa chiarezza sulla malattia virale trasmessa da zanzare appartenenti al genere Aedes: ecco tutte le info.

Sintomi virus Zika, quali sono? Cosa c’è da sapere? Come si può fare prevenzione? Quali le eventuali cure?

A tutte queste domande ha risposto, in maniera scientifica, il Ministero della Salute, con una nota ufficiale, in cui si evidenzia che “la febbre di Zika è una malattia virale trasmessa da una zanzara del genere Aedes”.

QUALI SINTOMI

I sintomi sono simili a quelli di dengue e chikungunya, altre malattie trasmesse da zanzare Aedes, anche se più lievi: febbricola, eruzioni cutanee (soprattutto maculo-papulari), congiuntivite, mal di testa e dolori articolari. Dopo una puntura di zanzara infetta, i sintomi compaiono solitamente dopo un periodo di incubazione dai 3 ai 12 giorni e possono durare da 2 a 7 giorni. Una persona su quattro non sviluppa sintomatologia.Un’infezione da virus Zika potrebbe quindi passare inosservata o essere attribuita a uno degli altri virus. La malattia raramente richiede il ricovero ospedaliero.

LA CURA

Il trattamento è sintomatico e consiste in farmaci per alleviare il dolore e la febbre, il riposo e bere tanta acqua. Se i sintomi peggiorano, consultare un medico. Al momento non è disponibile nessun vaccino contro il virus Zika. Per questo l’unico modo sicuro per prevenire l’infezione è evitare di essere punti dalla zanzare.

COME PREVENIRE

La migliore protezione dal virus Zika è prevenire le punture di zanzara. Prevenire le punture di zanzara proteggerà le persone dal virus Zika, e da altre malattie che sono trasmesse dalle zanzare come la dengue, chikungunya e febbre gialla. Questo può essere fatto utilizzando un repellente per insetti; indossando abiti (preferibilmente di colore chiaro), che coprano il corpo il più possibile; utilizzando schermi a porte e finestre e dormendo sotto zanzariere. È anche importante mantenere vuoti e puliti, o coperti, contenitori che possono contenere anche piccole quantità di acqua come secchi, vasi da fiori o pneumatici, in modo che i luoghi in cui le zanzare si riproducono vengano rimossi.

LE ZONE COLPITE

I Paesi con trasmissione locale confermata (dato aggiornato al 20/01/2016) sono: Brasile, Bolivia, Barbados, Capo Verde, Colombia, El Salvador, Ecuador, Fiji, Guiana Francese, Guatemala​, Haiti, Honduras, Martinique, Messico, New Caledonia, Puerto Rico, Panama, Paraguay, Samoa, Solomon Islands, Suriname, Vanuatu, Venezuela.

L’elenco aggiornato delle aree affette può essere consultato qui.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.