Pensionati in fuga dall’Italia: 10 paesi dove vivere bene con una pensione normale

pensionati in fuga dallitalia mini

Una volta fuggivano solo i poveracci senza futuro. Poi hanno iniziato ad andarsene prima i cervelli e subito dopo anche i “coglioni”. I giovani hanno sempre il biglietto in mano. E ora tocca ai pensionati lasciare l’Italia: ecco una lista dei 10 paesi dove vivere bene con una pensione normale.

Paghiamo i medicinali molto meno che in Italia, Fuerteventura è poi una terra aspra e bellissima con un clima sempre primaverile. Che dire, siamo fortunati“.

Questo è quanto raccontato da Mirta e Rino, due pensionati all’estero che hanno scelto la Spagna per godersi la pensione.

Lasciare l’Italia per smettere di sopravvivere e ricominciare a vivere. Con dignità, serenità e salute. E con la pensione che basta e avanza per togliersi anche qualche sfizio: “Il futuro ora ci spaventa meno“, dicono.

Eppure, secondo il magazine International Living, ci sono paesi dove i pensionati possono vivere ancora meglio: Panama su tutti.

Nella classifica annuale su quali sono i paesi migliori dove rifugiarsi dopo la pensione, sono diversi i fattori presi in considerazione: prezzi al consumo, esenzioni statali, sanità, costo della vita.

Sulla base di questi dati viene fuori che Panama è l’approdo più comodo per i pensionati, con un punteggio del 91,2.

Completano la top ten Ecuador, Malaysia, Costarica, Spagna, Colombia, Messico, Malta, Uruguay e Thailandia.

Con sei nazioni nelle prime dieci, il Sud America è decisamente il continente che offre la maggiore serenità ai pensionati all’estero ma ci sono due paesi molto vicini all’Italia – parliamo di Spagna e Malta – che sono un’ottima meta sia per quanto riguarda la qualità della vita in rapporto alla pensione italiane che per quanto concerne la sicurezza. Tanti, proprio per questa ragione, stanno abbandonando la Tunisia.

Sono tantissimi a partire: basti pensare che, come certifica il rapporto Istat pubblicato nel 2014 (vedi a pag. 14, ndr), sono 483mila le pensioni erogate all’estero.

Dopo la fuga di poveracci, cervelli, coglioni e giovani ci tocca assistere anche a quella dei pensionati. Solo i nostri politici restano incollati alle loro maledette poltrone.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.