Fuggire dall’Italia? Oggi ti costa il doppio: il Pd vuole aumentare le tasse sui passaporti

Raddoppia-la-tassa-sui-passaporti

Il post-elezioni è sempre come un risveglio dopo un bel sogno. Ma la realtà è un’altra. O meglio: è sempre la stessa. Tasse, tasse, tasse. Anche sul passaporto: lascia o raddoppia? La risposta è scontata ed è racchiusa in un emendamento del Pd al decreto Irpef, come riporta Fanpage.

  

Arrivano nuove tasse sui passaporti: 73,50 euro per il rilascio del documento (invece che i 42,50 attuali), a cui vanno a sommarsi il costo del libretto e il bollo annuale di 40,29 euro da estendersi a tutti, sia che si viaggi in Europa che altrove. Lo prevede un emendamento al decreto Irpef firmato da Giorgio Tonini (Pd) che è stato approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze del Senato.

Il provvedimento sarà operativo dalla conversione del decreto Irpef in legge, come riporta l’Agenzia di stampa parlamentare Public Policy:Il contributo di 73,50 euro però diventa una tantum: dovrà essere versato all’atto del rilascio del passaporto e va a sostituire la tassa finora prevista per ogni anno o frazione di anno di validità del passaporto.

Viene però esteso a tutti (sia a chi viaggia in Paesi Ue che fuori) il pagamento della tassa annuale sulle concessioni governative (il cosiddetto contrassegno telematico da 40,29 euro), da cui finora erano esenti coloro che viaggiavano all’interno dell’Unione europea.

Infine viene disposto che sia il contributo che il costo del libretto dovranno essere rideterminati ogni due anni con decreto del ministero dell’Economia di concerto con quello degli Esteri.”

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.