Phil Laak, l’Unabomber record del Poker

Phil Laak è conosciuto con il soprannome di Unabomber, proprio per la sua capacità di sorprendere sempre i suoi avversari: dai travestimenti alle scommesse, è un gambler da record,  con un passato da attore.

di Federico Succi

{module Poker 336*280 adsense}

Phil Laak è forse riconosciuto come uno dei giocatori più eclettici del circuito pokeristico mondiale. È conosciuto con il soprannome di Unabomber, proprio per la sua capacità di sorprendere sempre i suoi avversari. Basti pensare che alle WSOP del 2008 Phil si è presentato completamente travestito: si era fatto fare anche una maschera su misura, sembrando un signore alle prime armi. Dopo vari giorni di torneo, passati a giocare senza che nessuno lo riconoscesse, ad un certo punto un ragazzo gli dice che nonostante fosse alla sua prima esperienza, giocava molto bene. Per tutta risposta Unabomber lo guarda e solo allora decide di togliersi la maschera e svelare la sua vera identità scatenando sorpresa ed ilarità tra gli altri giocatori.

O come alle WSOP del 2005, siamo al Main Event, tutti molto tesi e lui, mentre è seduto al tavolo con gli altri giocatori, inizia a giocare on line su un suo mini PC che si era portato dietro non degnandosi di ciò che succedeva al tavolo. Se non è follia questa, poco ci manca. Phil è nato a Dublino ed è un giocatore professionista, ha vinto un WPT nel 2004 ed è sempre presente nei maggiori show televisivi: considerando il personaggio lo spettacolo è assicurato. Tra i suoi maggiori successi possiamo annoverare un secondo posto alle WSOP del 2005 dietro il mitico Johnny Chan, e la vittoria nella prima edizione del William Hill Poker Grand Prix, portando a casa ben 150 mila dollari.

Laak-IncognitoHa conquistato per due volte il Poker After Dark vincendo in entrambe le occasioni 120 mila dollari  e battendo avversari di tutto rispetto, visto che stiamo parlando di uno show ad inviti. Nel 2009 ha vinto il Party Poker Open Champion guadagnando oltre 250 mila dollari, ma la vittoria più prestigiosa oltre che più ricca l’ha ottenuta nel settembre 2010, riuscendo finalmente a vincere ciò che era diventata la sua ossessione: il braccialetto delle WSOP, nell’evento Six-Handed No-Limit Hold’em Championship.

Phil Laak possiede una sua piattaforma di gioco che, ovviamente, si chiama unabomber.com e ama definirsi un gambler, ossia uno a cui piace scommettere su tutto. Durante una recente puntata di Poker After Dark, Phil era impegnato in una mano contro un altro giocatore. Arrivarono al river ma non ci fu show down. Così Phil, rivolgendosi all’avversario disse che avrebbe scommesso 300 dollari sul fatto che avesse una coppia in mano. Sentito ciò, quest’ultimo non esitò a far vedere le proprie carte, che non erano una coppia. Phil, senza battere ciglio, si alzò e pagò i 300 dollari!

Ha avuto anche una breve carriera da attore facendo un cameo nel filmKnight Rider”, ha anche organizzato con il suo grande amico Esfandiari una mostra dal titoloI Bet You” dove si potevano trovare qualunque tipo di scommesse.

Quest’estate inoltre ha battuto il record di ore consecutive di gioco al tavolo verde, riuscendo a stare seduto per ben 110 ore di fila. Una cosa mostruosa considerando che aveva a disposizione una pausa di 5 minuti per ogni ora di gioco (Laak ha versato gli utili ad un’organizzazione di famiglie con bambini colpiti da gravi malattie): peccato che il record sia stato battuto da alcuni giocatori austriaci.

Curiosità di gossip: è fidanzato con Jennifer Tilly, una delle donne più forti del circuito.

SULLO STESSO ARGOMENTO

Filippo Candio al WSOP 2010: il November Nine parla italiano

Phil Ivey, il WSOP 2009 e i casino di Las Vegas: Poker After Dark

Texas Hold’em: la storia di Doyle Brunson, un Super System

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.