JOEY WIESMANN/ Da senza tetto a campione di poker

Joey_WiesmannAnche quest’anno il poker ci ha regalato, durante le Wsop, una storia che ha dell’incredibile ma che are le porte della speranza a tutti. Dopo la storia di Chris Moneymaker, del 2003, si ripete ancora una volta la magia del tavolo verde.

 

di Federico Succi

Joey Weismann è un ragazzo statunitense di soli 24 anni, dal passato molto travagliato ma che solo pochi mesi fa è stato protagonista di un vero e proprio riscatto sociale grazie al Texas Hold’em, che a volte sa regalare vere e proprie favole, come in questo caso.

{module Poker 300*250 adsense}

La sua è una storia tutt’altro che semplice, visto che solo qualche anno fa Weismann ha rischiato di finire molto male. Joey inizia a giocare a poker sin da piccolo, spronato da suo nonno, il quale era un discreto giocatore, per poi continuare ad affinare le proprie tecniche in compagnia degli amici, magari tra una risata e l’altra.

Anche se il giovane americano aveva già in testa l’idea di voler sfondare e diventare ricco con questo gioco. Così Joey, come qualunque normalissimo ragazzo, guarda e riguarda il film “The Rounder”, per poi iniziare a giocare su varie piattaforme come Full Tilt e Pokerstars.

{module Poker 160*600 adsense}

Anche  se questo suo primo tentativo non andò molto bene, visto che Weismann decise di abbandonare ben presto, perché il Texas Hold’em gli provocava un forte stress e riprese, così, una vita normale. Durò solo un mese. Passato questo periodo, molto probabilmente di riflessione, Joey si rituffa a capofitto nel poker online e questa volta, anche grazie al sostegno degli amici e della famiglia, riesce a trovare una sua strada.

Inizia a costruirsi un bankroll online che potesse utilizzare anche per i tornei live, sfruttando probabilmente il famoso effetto Moneymaker (giocatore che partendo da un satellite online di 1 dollaro, riuscì a vincere il Main Event delle Wsop portandosi a casa diversi milioni di dollari).

Ma all’improvviso il blackout, infatti Wiesmann racconta in una intervista che non molto tempo fa era rimasto completamente al verde ed è stato ospitato a casa di un suo amico e per diverso tempo ha dormito sul suo divano.

Piano piano ha risalito la china e ha iniziato a ritrovare fiducia in se stesso, cosa che gli ha consentito di presentarsi ai nastri di partenza dell’evento 46 delle Wsop, che vedeva in gara ben 1607 iscritti, che alla fine del torneo sono stati messi tutti in riga dall’ottima prestazione di Weismann, che si è portato a casa un premio di quasi 700 mila dollari.

L’americano afferma che ad un certo punto del torneo era quasi sicuro di vincere, una sensazione che non può spiegare, o forse era la compagnia del suo cane che gli è stato affianco per tutto il tavolo finale. Non lo sapremo mai, ma siamo sicuri che ora Joey Weismann non avrà più problemi di fiducia e che anzi adesso sarà lui ad ospitare gli amici sul divano di casa sua.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.