CRISTIANO GUERRA/ “Gioco perchè al Texas Hold’em conta l’abilità, non la fortuna”

Se nella prima mezz’ora non capisci chi è il pollo, allora il pollo sei tu…“. E non è affatto semplice e scontato che il tavolo verde porti fortuna. “Ciò che conta davvero è l’abilità nel gioco.” Lo dice uno che a riguardo la sa davvero lunga: CristianoCrisbusGuerra

di Federico Succi

{module Poker 336*280 adsense}

Sei nato nel 1981: quando è iniziata la tua passione per il “tavolo verde”?

Ho incominciato a giocare a Texas Hold’em intorno a Giugno 2008. È nato tutto per caso e man mano ho scoperto la passione per questo splendido gioco, soprattutto quando sono diventato consapevole del fatto che si trattasse di un gioco di abilità e non di fortuna, come pensavo all’inizio.

Magari all’Università di Medicina spennavi anche dei “polli”?

Non mi è mai capitato di giocare a Texas all’Università. A parte il fatto che non c’erano amici che praticavano questo sport, c’è anche da dire che quando si è all’ultimo anno di medicina non si va all’Università per giocare a carte

La sua carriera ha avuto un escalation dopo il piazzamento del 2008 alla notte del poker. Avevi bisogno di quel successo per convincerti dei tuoi mezzi?

Il piazzamento alla Notte del Poker 2008 è stato praticamente il mio primo torneo live “serio”. Prima avevo giusto fatto qualche torneo nei circoli romani. Avevo vinto la qualificazione online tramite un satellite e non è andata male. E’ stato solo un piazzamento e non un grande successo. Ho continuato a giocare “amatorialmente” perché mi divertivo a giocare.

Le sue maggiori soddisfazioni te le sei tolte con l’Online…

Ho iniziato a giocare online e probabilmente preferisco tuttora l’online al live. Sicuramente ad oggi mi sono tolto più soddisfazioni con l’online anche perché non sono ancora riuscito a vincere un torneo live. Ho diversi piazzamenti sul podio ma ancora non riesco a vincere l’oro. Online invece sono riuscito a vincere diversi tornei importanti….

Crisbus o Crisbus81.

È il mio soprannome, un mix tra il mio nome Cristiano e Bus, da business. Era un nickname che avevo creato per Ebay e che poi ho usato quando ho incominciato a giocare a poker.

cristiano_guerraDal gennaio 2011 sei passato da GD a Full Tilt.

Quando ho iniziato a giocare l’ho fatto sulla piattaforma GDpoker( al tempo Gioco Digitale). Proprio da GD poi ho ricevuto l’offerta di sponsorizzazione e per 2 anni ho fatto parte del primo team italiano di Texas Hold’em. In questi due anni abbiamo avuto una splendida collaborazione, fin quando al rinnovo del contratto lo scorso gennaio ho ricevuto anche l’offerta da parte di Full Tilt. Quando un colosso mondiale del poker bussa alla tua porta non c’è molto da chiedersi il perché o da valutare l’offerta… è come la chiamata in Nazionale… e così da quest’anno sono Red Pro su Full Tilt Poker.

Sogni nel cassetto?

Pokeristicamente parlando, quello di vincere un evento importante…. per il resto i sogni che ho nella vita privata rimangono tali.

LEGGI ANCHE

DARIO ALIOTO/ “Il poker? Gioco da quando avevo 12 anni…”

LUCA PAGANO/ “Non mi sento un fuorilegge. Il mio record? Ho tre carte vincenti..”

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.