LAZIO-ROMA/ Derby che vale la l’Europa?Non solo …

di Maria Ciavotta

Domani ci sarà una delle partite più attese del campionato. Roma e Lazio si affronteranno all’Olimpico per una sfida che vale la stagione. Una vittoria significherebbe, per entrambe, un posto in Europa. Eppure, come sappiamo, il derby è sempre il derby. Una partita che per molti tifoso vale una stagione …

derby-roma-lazio11Si tratta, in effetti, di una vera e proprio sfida-champions. I giallorossi, con un campionato altalenante, si trovano a sette punti dal terzo posto, occupato proprio dalla Lazio insieme all’Udinese; la Roma direbbe così definitivamente addio alla massima competizione europea in caso di sconfitta.

Anche i biancocelesti, che stanno disputando un buon campionato nonostante i tanti ostacoli (infermeria piena, squadra indebolita a gennaio, tensioni allenatore-presidente-tifosi) e nonostante finora siano stati impegnata in due competizioni, si giocheranno davvero tutto; infatti, in caso di sconfitta, non solo la Roma accorcerebbe le distanze, minacciando così la loro posizione in classifica, ma Napoli e Udinese potrebbero approfittarne: la prima per portarsi a solo 2 punti dalla squadra capitolina e la seconda per staccare il gruppo di concorrenti a quel tanto ambito terzo posto.

Il derby, si sa, è una sfida a parte; i pronostici sono quasi sempre inutili, lo stato di forma conta poco o niente. In ogni caso, comunque, le due squadre non attraversano un buon periodo: la Roma è reduce da una sonora sconfitta per 4 a 1 in casa contro l’Atalanta; la Lazio ha reagito al 5 a 1 rimediato a Palermo, battendo di misura la Fiorentina in una partita che poteva finire in qualsiasi modo.

In più a preoccupare le due squadre sono le pesanti assenze. In casa Lazio il pacchetto difensivo non è mai al completo; se qualche settimana fa mancava la difesa centrale ecco che adesso spariscono i terzini: Radu, Konko, Zauri, Stankevicius e Lulic sono fuori; mancano anche Brocchi, Cana e Rocchi.

Per quanto riguarda la Roma è Osvaldo il grande assente, che proprio contro la Lazio ha affascinato i tifosi. Non avrebbe potuto presentarsi meglio: goal e esultanza beffarda contro i “cugini”. Assenti anche Gago a centrocampo e Cassetti in difesa.

Paura scongiurata, invece, per Klose e Totti; il tedesco ha rimediato una botta nella partita con la Nazionale, ma sembra aver recuperato; il Capitano giallorosso, invece, ha qualche piccolo problema pre-derby (come ci ha abituato ormai da diversi anni). Sembra comunque che i due leader scenderanno regolarmente in campo.

Quando si parla di derby molti ex giocatori ricordano quei momenti. Ed anche quest’anno non si è stati da meno. Bernardo Corradi ha ricordato i tempi andati e le emozioni vissute: al suo primo incontro con la Roma, il suo compagno di allora Juan Sebastian Veron gli disse: “è come un primo appuntamento con una bella donna, devi essere perfetto”.

Anche Eusebio Di Francesco, ex Roma, ha ricordato i suoi derby e le grandi emozioni che può dare questa partita: “Il derby? Sarà una sfida emozionante. Mi auguro che Totti si tolga ancora soddisfazioni, se lo merita”. Lui ha giocato con il capitano e sa quanto Totti possa essere influenzato (in modo sia positivo che negativo) dalla partita stessa.

Il peso della partita è, quindi, evidente. Luis Enrique ha perso l’unico derby disputato finora, ma certamente si trattava di un’altra Roma, una Roma ancora alle prime avventure con l’allenatore asturiano, punita ,tra l’altro, al 92° da un goal di Klose. Per quanto riguarda Reja, non si può dire che sia famoso per i derby vinti. In due anni ha subito 5 sconfitte portando a casa solo l’ultima stracittadina.

La tensione è quindi infinita, sperando che in campo non domini il nervosismo, ma lo spettacolo e il divertimento. Partita ricca di goal quindi? Non si sa, ma sarà indubbiamente una partita che vale molto. Per chi la gioca soprattutto, ma anche per i tifosi. Non sarà quindi solo una sfida per il posto in Champions, perché per Lazio e Roma il derby trascende completamente la competizione. È una sfida che da sola vale tutto il campionato.

LEGGI ANCHE

THIERRY HENRY/ Arsenal, il ritorno del campione

CALCIOSCOMMESSE 2011/ Niente Doni sotto l’albero, solo un pallone sgonfio..

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.