Dagli Inzaghi, Pippo e Simone, ai Maradona: fratelli calciatori

FRATELLI_MARADONA

SuperPippo e il Milan. Simone invece non gioca più. Diego Maradona e l’Argentina, Hugo invece è sparito dal calcio. Storie di fratelli calciatori.

 

Nella storia del calcio ci sono numerosi esempi di fratelli calciatori.

L’ultimo degli esempi è l’acquisto da parte del Palermo del fratello di Javier Pastore, Juan. A quanto dice il fratello maggiore lo aspetta un futuro roseo. Quando si parla di queste storie il ricordo non può non andare ai fratelli Sentimenti: ben 5, che a cavallo tra gli anni 40-50 impazzavano per i campi di tutta Italia. Gli addetti ai lavori furono costretti a ricorrere alla numerazione per poterli distinguere. Il più famoso era senza dubbio Lucidio, portiere di Juventus e Lazio che divenne Sentimenti IV, poi c’era Primo che venne ribattezzato Sentimenti V.

 

Così come molto famosi erano i fratelli Cevenini: Aldo, Mario, Cesare, Carlo e Luigi. Giocarono con l’Inter nella stagione 1920-21, ed in due partite furono schierati tutti in campo. Anche il Brasile ha i propri esponenti del calibro di Socrates, detto il dottore, ricordato per un suo gol contro l’Italia ai Mondiali in Spagna, e Rai, terzino che passò la sua carriera tra il San Paolo ed il Paris Saint Germain.

Sicuramente i più famosi, per via del cognome che portavano, furono i fratelli Maradona. Di Diego sappiamo quasi tutto, mentre di suo fratello Hugo, detto il turco, dobbiamo dire che militò nell’Ascolima senza fortuna, tant’è vero che dopo appena 13 partite venne ceduto al Rayo Vallecano. Molto famosi sono sicuramente i fratelli Baresi il cui destino fu abbastanza crudele. Il fratello minore, Franco, venne scartato in un provino con l’Inter per poi approdare e diventare una delle più grandi bandiere del Milan, mentre Beppe militava tra i neroazzurri. Chissà come veniva vissuta in casa la settimana del Derby!

Anche oggi sono numerosi i casi. Abbiamo i fratelli Cannavaro che hanno giocato insieme nel biennio 99-01 nel Parma, mentre i fratelli Lucarelli dopo aver militato nella squadra della propria città (Livorno) oggi si sono ritrovati proprio nel Parma. Nella loro militanza a Livorno si sono trovati di fronte un’altra famiglia di calciatori: i fratelli Filippini, che dopo aver giocato insieme nel Brescia si sono ritrovati proprio a Livorno.

I fratelli Inzaghi invece hanno avuto l’occasione di giocare insieme solo a Piacenza in serie B, ma poi le loro strade si sono divise per ovvie disparità di meriti. Ultimamente il nome di Simone Inzaghi era stato accostato al Campobasso, mentre il fratello Filippo continua a segnare con la maglia del Milan. Abbiamo anche i fratelli francesi Frey. Uno, Sebastian, è una colonna della Fiorentina, mentre l’altro, Nicolas, milita nel Chievo.

Così come non si possono dimenticare i fratelli Zenoni, che hanno condiviso una parte di avventura con l’Atalanta, un anno in serie A e ben 5 in serie B. Attualmente sono entrambi svincolati. Oggi abbiamo anche i fratelli Burdisso che dopo varie peripezie si sono ritrovati nella Roma. Poi ci sono casi di fratelli molto famosi ed altro molto meno. Chi si ricorda, infatti, del fratello di Bobo Vieri, Max?

Oppure chi ricorda il fratello dell’indimenticato Roby Baggio, Eddy?

Uno dei casi più eclatanti fu sicuramente l’approdo in rossonero del fratello di Kakà, Digao. Pare proprio un classico caso di raccomandazione a giudicare dalla fine che ha fatto Digao. A proposito, che fine ha fatto? L’ultima volta è stato avvistato con la maglia del Lecce.

I fratelli Riise si sono ritrovati nell’Europa league dell’anno scorso, uno con la maglia della Roma e l’altro milita nelle file del Fulham.

Mentre paradossale è il caso dei fratelli Boateng. Kevin Prince è appena approdato al Milan, mentre l’altro milita nel Manchester City del Mancio. Paradossale perché i due non si parlano a causa di scelte di natura diversa. Dovete considerare che in Nazionale uno gioca con la maglia del Ghana mentre l’altro ha preferito la maglia della Germania!

GUARDA IL VIDEO DELLA GIALAPPA’S SU HUGO MARADONA

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.