CHAMPIONS LEAGUE/ Conclusa la prima fase: Copenaghen e Shaktar le sorprese, le italiane deludono

Poveri noi, relegati tra le seconde come squadre qualsiasi che ormai non fanno più paura a nessuno, ma che anzi sotto sotto forse tutte sperano di prendere. Forse quella messa meglio è il Milan, che eviterà sicuramente il Real Madrid. Ma ciò non toglie che questo è lo specchio di una crisi profonda.

di Federico Succi

Con le partite giocate martedì e mercoledì si è conclusa la prima fase a gironi della Champions League, facendo impazzare il totosorteggi soprattutto in Italia.

champions-league-trophy1Il sorteggio ha come scopo quello di consentire alle squadre qualificatesi prime nei rispettivi gironi, di poter incontrare tutte le seconde classificate,tranne quella già incontrata in queste prime partite. Le qualificate, in qualche modo rispecchiano anche il ranking europeo. Infatti, l’Inghilterra, saldamente al comando di questa classifica può contare ancora sulle 4 squadre di partenza, tre qualificatesi prime nei loro gironi, il Manchester Utd dell’eterno Ferguson, il Chelsea, che non sta attraversando un buon momento soprattutto a livello societario e, infatti, voglio fare un’in bocca a lupa a mister Ancelotti, ed il Totthenam, forse la vera sorpresa visto che nel suo girone aveva l’Inter campione in carica. Infine l'Arsenal, che si è qualificata seconda nel girone più facile.

La Spagna, sempre seconda nel ranking, ovviamente annovera il Real Madrid che ha letteralmente dominato il proprio girone ed il Barcellona che sta tornando a far vedere meraviglie. Entrambe si sono qualificate prime nei rispettivi gironi, mentre il Valencia è riuscito a qualificarsi come seconda nel girone capitanato dallo United, anche se con Rangers e Bursaspor era difficile fare peggio. Per quanto riguarda le squadre tedesche, che sono le nostre dirette rivali per il ranking, c’è il solito Bayen Monaco qualificatosi primo nel girone che vedeva anche la Roma. IlWerder, che ha strapazzato l’Inter nell’ultimo turno, non è riuscito nemmeno a qualificarsi per lEuropa League.

L’unica novità è proprio lo Shalke 04 di Huntelaar e Raul, che, secondo me, non è proprio da sottovalutare e poiché è riuscito a qualificarsi primo in un girone non facile che lo vedeva di fronte al Lione ed al Benfica, due squadre di pari livello e l’Hapoel Tel Aviv designata come vittima sacrificale. Infine, tra le prime la vera novità di quest’anno sono gli ucraini dello Shaktar Donetsk, che nella loro storia non erano mai riusciti a passare come primi il girone di qualificazione. Avevano sempre ottenuto dei buoni risultati ma mai come quest’anno erano riusciti ad imporsi così nella competizione continentale più difficile e prestigiosa. Tra le squadre qualificatesi come seconde abbiamo una squadra danese, il Copenaghen che è la vera sorpresa di questa prima parte di Champions.

È riuscita, infatti, a piazzarsi seconda alle spalle del Barcellona, e dove tutti pensavano che il Rubin Kazan, con i suoi petroldollari, fosse riuscito a qualificarsi senza troppi patemi in un girone che vedeva anche la partecipazione del Panatinaikos. Inoltre ci sono anche due squadre francesi come il Lione ed il Marsiglia che è riuscito a qualificarsi secondo alle spalle del Chelsea. E le Italiane? Poveri noi, relegati tra le seconde come squadre qualsiasi che ormai non fanno più paura a nessuno, ma che anzi sotto sotto forse tutte sperano di prendere. Forse quella messa meglio è il Milan, che eviterà sicuramente il Real Madrid. Ma ciò non toglie che questo è forse lo specchio di una crisi profonda. Sperare in un sorteggio benevolo può essere la cosa migliore da fare ma è una cosa poco lungimirante visto che se si vuole arrivare in fondo bisogna affrontarle tutte o quasi.

L’Inter, attualmente in profonda crisi, a Febbraio avrà recuperato tutti i suoi infortunati e allora forse rivedremo il vero valore di questa squadra. Ma sulla loro testa pesa molto l’Intercontinentale. Come torneranno i neroazzurri da Abu Dhabi??? E soprattutto riuscirà Benitez a risolvere i numerosi enigmi che si stanno manifestando in questo primo scorcio di stagione. Infine la Roma di Ranieri anche ieri ha dimostrato una scarsa tenuta di nervi. I giocatori giallorossi sono riusciti a litigare anche in una trasferta che sembrava assolutamente innocua come quella di Cluj. Totti, nel post partita, ha cercato di minimizzare l’accaduto ma la Roma si è sempre contraddistinta come una piazza senza grande equilibrio. Staremo a vedere se questa storia lascerà strascichi. Il sorteggio ci sarà venerdì 17. Già il giorno non porta grande fortuna, ma con questi presupposti è inutile illudersi più di tanto ed inoltre squadre che adesso sembrano più abbordabili di altre magari a Febbraio saranno più in palla di altre. È chiaro che lo Shalke o il Tottenham sembrano più accessibili di Barcellona o Chelsea, ma se l’Inter riesce a rimettersi in corsa, la Roma ritrova l’equilibrio giusto e il Milan a liberarsi dell’Ibradipendenza allora, forse, riusciremo a dire la nostra.

 

POTREBBE INTERESSARTI

Villas Boas, il Porto ha in casa il nuovo Mourinho. Già prenotato da Moratti…

CRISI INTER/ Che succede ai Tricampeon? Le ragioni del crollo

CALCIO/ Rafa “Pappa” Benitez, il nuovo Hector Cuper

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.