A TUTTO CAMPIONATO/ Lazio e Udinese in testa, Milan alla quinta vittoria consecutiva

di Federico Succi

Si è appena conclusa la domenica di campionato tra partite rinviate per disastri naturali e altre per sventare potenziali disastri. Il rinvio di Napoli – Juventus ha scatenato non poche polemiche, visto che nessun membro della Lega Calcio era stato avvisato della decisione presa dalla Prefettura di Napoli. Scelta, peraltro, che è sembrata infausta e frettolosa visto che è stata presa alle 12:30 quando mancavano ancora 8 ore all’inizio della partita e nel frattempo il meteo è migliorato a tal punto che nell’hinterland napoletano si sono giocate partite di competizioni minori.


Staremo a vedere come va a finire. I motivi del rinvio di Genoa Inter sono sotto gli occhi di tutto. Il calciothumbfalse1320049440777_475_280 giocato invece ci ha regalato emozioni a valanga. Vittorie schiaccianti, gioie regalate agli ultimi minuti e paura di affondare negli abissi della serie B. In vetta al campionato troviamo la strana coppia Lazio – Udinese. I capitolini battono all’ultimo minuto un Parma tutt’altro che arrendevole, ma ancora una volta gli uomini di Lotito dimostrano tutte le difficoltà di una squadra che quando gioca in casa e deve fare la partita si trova molto a disagio.

 I ragazzi di Reja solo nel finale riescono a sbloccare la partita, grazie ad un’incursione del neo entrato Sculli, centrando così la seconda vittoria casalinga in campionato. L’altra capolista Udinese ormai in casa non stecca più un colpo e agguanta la quinta vittoria di fila in casa facendo bottino pieno. Di Natale dimostra di essere assolutamente indispensabile per questa squadra, è mancato contro Napoli e Atletico Madrid e i friulani si sono squagliati come neve al sole. I friulani in casa sono una macchina da guerra subendo solo ieri il primo gol casalingo e fermando così l’imbattibilità di Handanovic. Subito dietro di loro si assesta il lanciatissimo Milan che ormai fa vedere i fari negli specchietti retrovisori delle avversarie.

 La marcia dei rossoneri sembra non conoscere sosta e ieri ne ha fatto le spese il povero Catania, che fino adesso aveva raccolto solo applausi. Montella nel dopogara era sconsolato visto che ha dichiarato “che i suoi non erano riusciti a far nulla di quello che si era preparato”. Il Diavolo giunge così alla quinta vittoria consecutiva in campionato, miglior attacco del torneo con 23 reti segnate, di cui 18 nelle ultime 5 partite. Unica nota dolente è la difesa che, seppur ieri sia rimasta imbattuta, continua a subire pericolosamente troppi tiri e non si incontrano tutte le domeniche il Catania, con tutto il rispetto per i siciliani che in trasferta non sono certo la squadra più temibile. Il Palermo si assesta al quinto posto della classifica battendo il Bologna in casa, nell’anticipo pomeridiano del Sabato.

 Anche i siciliani così come l’Udinese hanno avuto sin qui un rendimento da schiacciasassi nei turni casalinghi prendendo il massimo dei punti disponibili. L’unica differenza con i friulani è il pessimo rendimento esterno degli isolani visto che sono ancora alla ricerca della prima vittoria fuori casa. Nell’altro anticipo del sabato la Roma dell’ispanico Luis Enrique riesce a vincere soffrendo non poco in casa del Novara. La partita viene sbloccata dall’ex ragazzetto terribile del Barcellona, Krkic, voluto fortemente proprio dall’allenatore e messa al sicuro dal solito Osvaldo che ormai sta diventando una sicurezza. I giallorossi sembrano così uscire dal periodo di crisi ed insicurezze dovute alla sconfitta nel derby e dalle tante polemiche che si inseguono in una piazza calda come quella romana.

L’Atalanta batte il Cagliari grazie al gol del rinato Denis, di cui si sta scoprendo la vena realizzativa, visto che nelle precedenti 3 stagioni in Italia aveva realizzato 17 gol totali ed ora è già a quota 7 lanciando la sfida al dominatore degli ultimi anni di questa classifica, Antonio Di Natale.

 Il Cagliari sembra sprofondato in una grave crisi di identità visto che nelle ultime 5 partite ha realizzato solo un gol e prendendo un solo punto contro il Napoli. Il Chievo torna alla vittoria battendo in casa la Fiorentina, duramente contestata dai propri tifosi che hanno ormai Mihajlovic nel mirino e avendo un duro faccia a faccia nel dopo gara proprio con l’allenatore viola. Ormai sembra che la situazione sia divenuta insostenibile e la società non fa nulla per alleggerirla. Cesena- Lecce era una delle partite più importanti per la bassa classifica. Alla fine ha perso il Cesena che, nonostante il cambio di allenatore in settimana, non sembra in grado di invertire la tendenza e dopo 10 giornate è rimasta l’unica squadra di A senza vittorie e con sole 3 reti realizzate. Fuori casa ancora non conquista neppure un punto e tutti questi numeri associati ad una preoccupante mancanza di carattere da parte dei giocatori, sembra far scivolare i romagnoli verso la retrocessione. Ma se i cesenati affondano dopo questa sconfitta, il Lecce si tira su riuscendo a stare aggrappata al gruppone, scavalcando il Novara ed agguantando l’Inter. I salentini sono alla seconda vittoria in campionato e il dato curioso è che entrambe sono state conquistate fuori casa.

LEGGI ANCHE

SERIE A/ Quando c’è la sorpresa


Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.