A TUTTO CAMPIONATO/ Al via la sesta giornata

di Federico Succi

Anche nella sesta giornata di campionato non mancano sicuramente gli spunti d’interesse per seguire il campionato più equilibrato del mondo. Si comincia sabato pomeriggio con Roma- Atalanta. I capitolini dell’Ispanico Luis Enrique vogliono continuare sulla striscia positiva intrapresa domenica scorsa per rilanciarsi definitivamente in campionato e poi, si sa, le vittorie aiutano a lavorare meglio.

Dall’altra parte c’è la capolista virtuale cui ormai si sprecano ogni tipo di complimenti ma che essendo solo all’inizioIl fuoriclasse del Napoli, Marek Hamsikvogliono continuare a correre per sfruttare il loro momento di grazia e per accumulare fieno in cascina per quando verranno i tempi bui.

In serata ci sarà il primo piatto forte servito in cui si sfideranno due squadre che si contenderanno fino all’ultimo lo scudetto. Il Napoli di Mazzarri (Cavani in forse) va a fare visita in casa dell’Inter del normalizzatore Ranieri. I partenopei vengono da 1 punto nelle ultime 2 giornate, mentre in Champions è tutt’altra musica, Mazzarri ha detto in sala stampa che la società privilegia la Coppa dalle grandi orecchie e vuole ripartire, mentre l’Inter avrà ancora addosso l’entusiasmo per il cambio di allenatore. Gli azzurri non battono l’Inter a S. Siro dal 1994.

Altro scontro interessante, domenica, sarà Fiorentina-Lazio. La Viola di Mihajlovic ha sempre vinto in casa in questa stagione, mentre la Lazio di Reja, che potrebbe pagare lo scotto dell’Europa League, soprattutto a livello mentale, visto com’è andata la partita, non ha mai perso fuori casa in campionato.

La capolista Udinese ospiterà il Bologna che fino ad ora ha raccolto un misero punticino, peraltro in trasferta segnando solo 2 gol e subendone 8. I romagnoli sembrano ben lontani dalla squadra dell’anno scorso. I friulani sono in testa avendo giocato solo una partita in casa (peraltro vincendola) e ben 3 in trasferta. Ora avrà un calendario un po’ più agevole. Il Palermo dell’allenatore rivelazione Mangia ospita il Siena della rivelazione Sannino. Zamparini in settimana ha dichiarato che ha fatto bene ad aver rifiutato Ranieri e Rossi visto che con Mangia il futuro è assicurato. Siamo sicuri che alle prime sconfitte e difficoltà l’allenatore passerà da Mangia a mangiato? I siciliani in casa non perdono un colpo come dimostrano le 2 vittorie su altrettante partite.

Il Siena del coraggioso Sannino siamo certi che non andrà a fare le barricate ma se la giocherà o almeno ci proverà. In questa giornata inoltre ci sono numerose partite che se fossero giocate nella parte finale del campionato sarebbero definite thriller. Come Novara-Catania, Cesena-Chievo e Lecce-Cagliari. Il Novara in casa ha giocato una sola partita vincendo contro l’Inter mentre in trasferta ha acciuffato per i capelli il pareggio in casa del Chievo e domenica a Bergamo contro l’Atalanta ha rischiato di fare altrettanto, se non gli avessero annullato un gol regolare. Il Catania invece è ancora alla ricerca dei primi punticini fuori casa, anche se nelle ultime 27 trasferte ha raccolto solo una vittoria. Il Cesena fanalino di coda è fermo ancora a zero punti e siamo sicuri che Giampaolo non avrà ancora tutto questo tempo disposizione, mentre il Chievo ammazza grandi può affrontare il match con la tranquillità di chi ha appena vinto contro Napoli e Genoa.

Il Lecce ospita al Via del Mare il Cagliari. I salentini sono alla ricerca dei primi punti in casa dove sono stati sempre sconfitti in questo inizio di stagione, mentre il Cagliari fuori casa ha ottenuto una vittoria ed una sconfitta. Dulcis in fundo, il posticipo di questa settimana è una delle più grandi classiche del calcio italiano. Due squadre che per anni si sono contese gli scudetti e addirittura un anno si sono contese la Champions. Milan contro Juventus rappresentano il calcio italiano. La Juve di Conte dopo aver affrontato in sequenza Parma, Siena, Bologna e Catania è arrivata al suo primo, severissimo esame. Può capire dove può arrivare e soprattutto quanta distanza, se c’è, deve colmare per potersela giocare fino in fondo per le massime competizioni. Vucinic ha detto che se si viole diventare grandi si passa per queste sfide, ma crescere troppo in fretta non ha mai fatto bene a nessuno. Il Milan, dal canto suo, recupera Ibrahimovic. Altafini ha definito i rossoneri senza il suo campione come l’amore senza bacio. Gli Allegri’s boys dovranno cercare la vittoria non solo per il morale e prestigio ma anche per accorciare ulteriormente la classifica. Al termine di questa giornata vedremo la classifica ancora più corta o davanti inizieranno a correre?

Buona campionato a tutti.


LEGGI ANCHE

A TUTTO CAMPIONATO/ Avanti adagio…

MONDIALI CICLISMO 2011/ “Cannonball” Cavendish è campione del mondo. Male l’Italia.

BASKET, NBA/ Il “lockout” che blocca il campionato

POKER TEXAS/ Posizione assoluta e posizione relativa


 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.