I 6 clamorosi errori di Prandelli che (forse) ci costano il Mondiale

prandelli ansa nazionale costa rica mini

Una squadra messa malissimo in campo ha preso sberle per novanta minuti dal Costarica, che non è una corazzata ma ieri sera sembrava il Real Madrid di Ancelotti, quello che in semifinale di Champions ha distrutto il Bayern di Guardiola. E in questi casi, quando la strategia conta più di qualsiasi altra cosa, se non hai un fenomeno in panchina paghi dazio. E Prandelli, ahinoi, fenomeno non è. Ecco tutti gli errori del ct azzurro.

 

ERRORE N° 1 – Come diavolo gli è saltato in mente di schierare un Buffon a mezzo servizio e lasciare in panchina quel fenomeno di Sirigu? Sul primo tiro in porta il capitano azzurro ha dimostrato di scendere con lentezza disarmante; sul primo calcio d’angolo è andato a farfalle; sul gol subito è stato preso dal dubbio amletico “esco-non-esco”. Sudava che nemmeno Marchisio in mezzo al campo, con la differenza che uno è fermo in porta e l’altro corre come una maratoneta. Un Buffon in versione Casillas, come era facilmente pronosticabile visti i problemi fisici dei giorni scorsi, andava fatto recuperare con più calma. Anche se lui voleva giocare a tutti i costi: chi decide, allora, il ct o il capitano?

ERRORE N° 2 – Come diavolo gli è saltato in mente di riproporre Chiellini, che contro l’Inghilterra è stato il peggiore in campo, e metterlo in una posizione ancora più a rischio, cioè in mezzo alla difesa? Ha ballato tutta la partita; ha costretto Barzagli a recuperi miracolosi; ha provocato un rigore che soltanto l’arbitro non ha ritenuto tale; sul gol preso si è addormentato; mai ha dato sicurezza al reparto. Perché non provare Bonucci, che peggio di Chiellini sicuramente non poteva fare?

ERRORE N° 3 – Come diavolo gli è saltato in mente di spostare Darmian a sinistra e toglierlo dalla posizione in cui – contro gli inglesi – aveva dato spettacolo? Così facendo ha tolto sicurezza anche a Candreva, che si è ritrovato un Abate in versione Milan (cioè insufficiente), senza coperture e senza il dovuto sostegno psicologico per poter spingere in tranquillità. Certo è che, se non hai terzini sinistri di ruolo, perché Criscito e Pasqual sono a casa, sei costretto a inventare soluzioni improvvisate, come Chiellini terzino o Darmian a sinistra. Perché, sia chiaro, nemmeno De Sciglio, fuori gioco per infortunio, è un sinistro naturale.

ERRORE N° 4 – Come diavolo gli è saltato in mente di schierare quella lumaca di Thiago Motta contro i fulmini della Costa Rica? Se proprio non vuoi mettere Verratti, che andava schierato proprio per liberare Pirlo da una marcatura così stringente (peraltro stra-annunciata) allora butta in campo l’energia e la corsa di Parolo, che quando è subentrato contro l’Inghilterra ha dimostrato di essere in palla e in forma mondiale. Tutte le soluzioni andavano bene, tranne una: e il Mister ha scelto proprio quella meno adatta.

ERRORE N° 5 – Come diavolo gli è saltato in mente di riproporre lo stesso modulo che ha funzionato con gli inglesi e che, prevedibilmente, non avrebbe portato novità positive contro il Costarica? Non eravamo la squadra camaleontica in grado di adattarsi agli avversari? Anche questo mito, che Prandelli ci ha fatto ciucciare per mesi, è stato sfatato in 90 orribili e interminabili minuti.

ERRORE N° 6 – Come diavolo gli è saltato in mente di tenere in panchina Immobile? Con una difesa alta come quella del Costarica e con la profondità come unica strada vincente per fare gol, Ciro Immobile era l’uomo perfetto per ieri sera. E invece sono entrati tutti tranne lui. Bastava sostituire un Balotelli spento e nervoso con un Immobile fresco e pimpante per ridare ossigeno all’Italia, permetterci di giocare con qualche lancio lungo in più e far rifiatare un centrocampo in debito d’ossigeno. E invece Prandelli ha distrutto ogni speranza di rimonta con tre inutili cambi.

COSA ANDAVA FATTO? – Non serviva Nostradamus e nemmeno un genio in panchina per capire che il modulo anti-Inghilterra andava sostituito con qualcosa di più efficace, per contrastare lo strapotere atletico e mentale del Costarica. Anche perché un cambio di modulo era necessario, per ovviare alla mancanza di un terzino sinistro, evitando di riproporre Chiellini o spostare Darmian. Quindi? La soluzione poteva essere una difesa a tre, con Barzagli-De Rossi-Bonucci, e un centrocampo a quattro con Darmian-Pirlo-Parolo-Marchisio. A supporto di Balotelli bastavano Candreva e Aquilani, due abituati a giocare in questo modo nei rispettivi club. Ognuno al posto suo e tutti più felici. A partita in corso sarebbe bastato inserire Immobile per Balotelli, Verratti per Candreva, Motta per uno tra Marchisio e Parolo. E, quasi sicuramente, non sarebbe finita così.

Invece adesso siamo a rischio eliminazione, perché giocarcela contro i satanassi dell’Uruguay non sarà semplice. Chi li ferma Suarez e Cavani? Chiellini?