Viaggio nell’arcipelago romano: ecco “Nuove Isole”, la guida vagabonda

Nuove Isole, la copertina del libro

Nuove Isole, la copertina del libro

Via del Corso, il Colosseo, la Basilica di S. Pietro e i Fori Imperiali; Villa Ada, i Parioli e Villa Borghese; le vie del centro storico e Piazza Navona. Sono i volti più noti di Roma. Esiste anche un’altra Roma, fatta di scorci e paesaggi celati e suggestivi. “Isole” nella metropoli.

Per conoscere Roma non basta visitare il centro e i luoghi noti della città, musei e mostre d’arte. Roma è anche quotidianità, scorci di una metropoli caotica e in continua espansione. Esiste una Roma nascosta, dove regna la quiete e l’arte. Una città “sotterranea” celata dal velo grigio che avvolge la “Città Eterna” durante il disordine diurno. E’ un’altra “grande bellezza”, lontana dal fascino dei grandi monumenti della romanità, ma altrettanto suggestiva.

Un busto, una colonna o una casa anonima possono nascondere un passato “glorioso”, paragonabile alla storia dei monumenti più noti. Questa è l’altra grande ricchezza di Roma.

Marco Lodoli, romano di nascita, lo sa bene. Sa che la sua città non si riduce al Colosseo o Piazza del Popolo. E’ fatta di altro, di scenari sublimi, ma purtroppo poco conosciuti. “Nuove Isole” è una guida vagabonda, realizzata girovabando per i rioni e i quartieri, alla ricerca del particolare più interessante.

Nel silenzio delle prime ore del giorno, nella calma prima del caos giornaliero Marco Lodoli ama vagabondare alla scoperta delle tante “isole” che affollano la sua Roma. Sono angoli che riservano al visitatore curioso arte e stupore. Statue, madonnine agli angoli delle strade, ville appartate e quiete, piazze e viali tra i palazzi storici del centro città sono altrettante realtà della “grande bellezza” romana.

Perché passeggiare per Villa Torlonia quando si può visitare Villa Aldobrandi, nei pressi del Quirinale, o percorrere l’Appia Antica? I moderni centri commerciali non hanno stesso fascino dei mercatini di Via Sannio. 

E’ un viaggio diverso dai classici percorsi turistici. Non troveremo file né la ressa di turisti spesso disinteressati a ciò che vedono. E’ un percorso per intenditori, per chi sa veramente apprezzare la città “sommersa” e “taciturna”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.