“Robin Williams si è suicidato così”: l’assurda morte spiegata dallo sceriffo di Marin

sceriffo marin keith boyd

Ieri alle 11, ore 20 italiane, si è tenuta la conferenza stampa presso l’edificio dello sceriffo di Marin, Keith Boyd, che ha rivelato i dettagli sull’assurda morte di Williams. “Si è suicidato così”: ecco il documento che il Coroner ha dato alla stampa americana.

 

“Il corpo è stato ritrovato in una stanza del suo appartamento. Era lievemente sospeso da terra, con una cinta intorno al collo. Il miglior modo per descrivere la sua posizione è come se fosse seduto. La spalla destra era appoggiata alla porta. La cinta era bloccata tra la porta e la cornice della porta. Aveva dei tagli superficiali sul polso sinistro. Non sono però tali ferite ad aver provocato la morte. È stato ritrovato un coltello con del sangue, che non è stato ancora analizzato e sottoposto a test scientifici per comprendere se appartenga a Robin Williams. Nella stanza non sono stati rinvenuti segni di lotta. Quando il corpo è stato ritrovato era già freddo. Saranno fatti dei test tossicologici per verificare se l’attore avesse assunto delle sostanze. Per il momento il caso viene classificato come un suicidio per asfissia, ma le indagini sono aperte. Occorreranno almeno altre 2-6 settimane per avere i risultati dell’autopsia.”

ECCO IL COMUNICATO UFFICIALE

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.