Il ritorno di Giovanna Mezzogiorno: “Basta a pancioni sui social e mercificazione della maternità”

Giovanna Mezzogiorno

Giovanna Mezzogiorno

Giovanna Mezzogiorno, strepitosa attrice italiana, non le ha mai mandate a dire ma questa volta ha pienamente ragione e urla tutta la sua rabbia contro chi utilizza i figli per “prendere punti”.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera Giovanna Mezzogiorno si scaglia contro chi mercifica la maternità, pubblica pancioni sui social e utilizza i figli come status, come un qualcosa per accrescere la propria fama, “per prendere punti”, dice lei.

Giovanna Mezzogiorno è mamma di due gemelli di 4 anni, avuti dal marito Alessio Federico Fugolo, sposato nel 2009. L’attrice, che ha perso entrambi i genitori, la mamma poco dopo la nascita dei due figli, è stata educata su solidi principi e ha sempre mostrato un carattere forte.

Negli ultimi anni si è dedicata esclusivamente alla famiglia e alla cura dei suoi pargoletti ma ora ha che i bimbi sono un po’ più autonomi la Mezzogiorno ha deciso che era il momento giusto per rimettersi al lavoro. Ma prima ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa e, come al solito, non le ha mandate a dire.

Provo orrore, ma veramente orrore furibondo per quella che da madre mi sento di definire la continua, quotidiana, martellante mercificazione del corpo e della maternità sia sui social network sia sulle copertine dei giornali. È una cosa disgustosa, i figli vengono considerati come uno status e usati per prendere punti“.

L’attrice attacca chi vive la gravidanza come bottino: “Viene pubblicizzata in continuazione perché comunque intenerisce, incuriosisce, crea seguito. Il bottino preso serve per salire di notorietà – non di successo, di notorietà, sono cose ben diverse“.

E ancora: “La gravidanza è passata e non deve lasciare tracce, dopo due settimane ci si mostra in forma perfetta! Ma perché? Io sono stata uno straccio per due anni! Ora non dico che tutti debbano fare la mia fine che non è da prendere ad esempio. Però davvero questa mercificazione, della femminilità, del rapporto con i figli, questo usare i figli, è qualcosa che non posso più sopportare. Tenete i vostri ragazzi al riparo“.

Brava Giovanna, una delle poche donne del cinema italiano che non ha paura di misurarsi con argomenti scomodi e che dimostra sempre tutta la sua intelligenza.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.