Conti correnti, l’Adusbef denuncia le banche: “Costi abnormi.” Italiani truffati?

adusbef denuncia banche

Quella che viene tacciata come stabilità del mercato bancario italiano, fanno sapere da Adusbef, è in realtà una situazione provocata dalle banche che costa agli italiani una cifra spropositata: dai 5 ai 7 miliardi l’anno spesi tra costi diretti e costi indiretti, anche dei conti correnti.

 

Su quanto costi un conto corrente ad una famiglia tipo italiana i pareri divergono: attorno ai cento euro per Bankitalia e per il Corriere della sera , molto di più per le associazioni dei consumatori.

L’Adusbef, a questo proposito, ha condotto di recente un’indagine sui costi e le offerte delle banche in Italia, rilevando come da noi si spendano anche 340 euro l’anno, 180 euro in più in confronto alla media UE.

Da qui la denuncia a Michel Barnier, il Commissario Europeo per i servizi finanziari: la colpa di questa disparità di trattamento è da attribuirsi tanto alle banche italiane, ree di fare cartello e di sfuggire ai meccanismi di una reale composizione, quanto a Bankitalia, che non vigila abbastanza.

Quella che viene tacciata come stabilità del mercato bancario italiano, fanno sapere da Adusbef, è in realtà una situazione provocata dalle banche che costa agli italiani una cifra spropositata: dai 5 ai 7 miliardi l’anno spesi tra costi diretti e costi indiretti, anche dei conti correnti.

L’associazione ha poi fatto il punto su quanto costano i conti correnti italiani: ricorrendo all’ISCindicatore sintetico di costo– sono stati esaminate le offerte per conti destinati a profili a bassa operatività.

Ebbene, i costi medi delle dieci più importanti banche italiane sono pari a 320,5 euro, una cifra enorme e totalmente contrastante con le analisi della Banca d’Italia.

Se da Palazzo Koch sono arrivate subito le smentite, la posizione delle associazioni dei consumatori resta la stessa: la disparità dei risultati dovrebbe, secondo Adusbef, spingere il Governatore di Bankitalia a prendere subito dei provvedimenti che salvaguardino la condizione, già parecchio complessa, dei clienti italiani.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.