Come riconoscere le banconote false: ecco i 6 consigli della BCE per evitare truffe

Come riconoscere le banconote false

Come riconoscere le banconote false

 

Come riconoscere le banconote false ed evitare truffe e fregature? La BCE ha promosso un vademecum per i cittadini europei: ecco i 6 consigli utili.

Secondo i dati del “XXI Rapporto sulla falsificazione dell’euro“, reso noto dall’UCAMP – Ufficio Centrale Antifrode dei Mezzi di Pagamento del Dipartimento del Tesoro, la banconota maggiormente a rischio è quella da 20 euro, il cui taglio risulta il più contraffatto (56,24% del totale).

La quantità di euro falsi che circola in Europa ha fatto parlare gli inquirenti di una vera e propria emergenza tanto da costringere la Banca Centrale Europea a produrre un vademecum per i cittadini, messo a disposizione sul sito della BCE, in cui vengono sottolineati gli elementi da controllare per non essere truffati.

Ecco i 6 consigli da seguire per evitare fregature.

TATTO – La carta ha una particolare sonorità e consistenza e sui margini destro e sinistro potete percepire una serie di trattini in rilievo. Anche l’immagine principale, le iscrizioni e la cifra di grandi dimensioni indicante il valore sono stampate in rilievo.

VISTA – Guardate una banconota in controluce. Potete scorgere un’immagine sfumata con il ritratto di Europa (figura della mitologia greca), la cifra del valore e una finestra. Il ritratto appare anche nell’ologramma. Il filo di sicurezza appare come una linea scura su cui sono visibili il simbolo € e la cifra del valore in caratteri bianchi di piccole dimensioni.

LUCE ULTRAVIOLETTA – Sotto una comune luce ultravioletta la carta non diventa fluorescente, cioè non emette luce ed è scura. Ciascuna delle fibrille incorporate nella carta appare in tre colori diversi. Sul fronte, le stelle della bandiera dell’UE, i cerchietti e le stelle di grandi dimensioni diventano gialli, come altre parti della banconota. Sul retro, il quarto di cerchio posto al centro e alcune aree del biglietto appaiono in verde. Il numero di serie orizzontale e una striscia risultano in rosso.

Sotto una particolare luce ultravioletta (UVC), invece, sul fronte, i cerchietti al centro appaiono in giallo, le grandi stelle e altre parti della banconota risultano arancioni. Anche il simbolo € diventa visibile.

MICRO-SCRITTE – In alcune aree della banconota sono presenti sottili iscrizioni. La microscrittura diventa leggibile con una lente di ingrandimento. I caratteri sono nitidi e non sfocati. Quelle da 0,8 millimetri sono visibili a occhio nudo, mentre per quelle da 0,2 millimetri serve una lente di ingrandimento. In entrambi i casi, i caratteri devono essere nitidi e non sfocati.

I LUOGHI IN CUI FARE ATTENZIONE – I luoghi a rischio sono quelli in cui c’è maggiore affluenza di persone e ampia circolazione di denaro: lì il falsario può immettere la sua merce. Quindi occhi aperti in supermercati e mercati cittadini, benzinai, salumerie, bar e punti scommesse.

COSA FARE – Se scoprite di essere stati truffati e vi ritrovate a possedere una banconota contraffatta dovete recarvi in un istituto bancario o in un ufficio postale, dove il biglietto verrà esaminato da un esperto. Qualora dovesse dimostrarsi effettivamente falso, la banconota verrà ritirata ma non verrete rimborsati.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.