Esercito Italiano made in Sud: il 71% dei soldati viene dalle regioni meridionali

Esercito Italiano made in Sud

Esercito Italiano made in Sud

Esercito Italiano, il marchio di fabbrica è ben preciso: made in Sud. Il 71% dei soldati, infatti, proviene dalle regioni meridionali. Ecco i numeri, come riporta La Voce d’Italia.

Esercito Italiano, si parla meridionale: il 71% dei suoi effettivi proviene infatti dalle regioni del Sud, contro il 19% del Centro e solo il 10% del Nord. Il dato è stato fornito dal capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Danilo Errico, nel suo intervento ad un convegno sul futuro dell’Esercito organizzato dal Centro studi internazionali (Ce.S.I.).

Il 12 gennaio 2016, presso la Residenza di Ripetta a Roma, il Ce.S.I. – Centro Studi Internazionali ha organizzato la conferenza dal titolo “Il futuro dell’Esercito Italiano tra opportunità e incognite”, che ha trattato le modalità e le possibilità per l’Esercito Italiano di implementare le linee guida delineate nel Libro Bianco, tenuto conto dell’attuale quadro economico nazionale, e di dare impulso al processo di rinnovamento dello strumento militare terrestre, passo essenziale per poter continuare ad operare con sicurezza e garantire il successo delle operazioni militari future.

Il problema è che la maggior parte dei comandi e delle caserme si trova al Centro-Nord (in particolare 41% al Nord, il 34% al Centro ed il 25% al Sud) e ciò crea disagi con richieste di trasferimento nei territori di origine che non possono essere sempre accontentate.

Il generale Errico ha quindi sottolineato che le politiche di reclutamentodevono essere sostenute anche da una conseguente ricollocazione di comandi, enti ed unità che tenga conto, a sua volta, della disomogeneità tra la provenienza geografica del personale in servizio e la distribuzione geografica delle infrastrutture militari”.

È la Campania la regione leader per gli arruolati nell’Esercito: sono 27.972 (il 28% del totale). Seguono Puglia (16.646, pari al 16,7%) e Sicilia (15.095, pari al 14,9%).

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.