Caos Marò, India shock: vuole riprendersi Latorre. Ecco cosa sta succedendo

Il Marò Massimiliano Latorre

Il Marò Massimiliano Latorre

Caso Marò, l’India potrebbe prendere una decisione shock: il governo di Nuova Delhi sta preparando i documenti per riprendersi Massimiliano Latorre, il fuciliere di Marina ancora in Italia per ragioni mediche. Ecco cosa sta succedendo, secondo quanto riportato da Dagospia.

CASO MARÒ, RAPPORTI DIPLOMATICI AL MINIMO

Massimiliano Latorre, che sarebbe dovuto rientrare in India il 12 gennaio, era stato autorizzato a non rispettare la scadenza: ufficialmente per ragioni mediche, in realtà per decisioni politiche in cui aveva influito anche la Commissione Europea.

Ad inizio 2015 tutto sembrava andare per il meglio tanto è vero che il Ministro degli Esteri indiano aveva ammesso che stava “valutando con spirito positivo una proposta italiana”, fatta di risarcimenti, scuse ufficiali e promesse di un processo serio in Italia.

Nonostante le buone premesse tutto è precipitato nel giro di pochi mesi, come dimostra lo schiaffo politico-istituzionale rifilato dall’India al Governo italiano: come scrive Dagospia, all’Expo non è presente nessun padiglione indiano. E questo è un segnale negativo, fortissimo, che Nuova Delhi ha mandato all’Italia. Ad oggi i rapporti con il governo di Narendra Modi sono al minimo storico.

CASO MARÒ, LATORRE DI NUOVO IN INDIA?

Il muro indiano. Un muro di gomma su cui anche l’attuale governo è andato a sbattere senza portare a casa risultati degni di nota. E c’è anche il rischio concreto di Massimiliano Latorre, autorizzato a rimanere in Italia per curarsi (si è operato al cuore) fino al 15 luglio, debba poi rientrare in India.

Si preannuncia un’estate rovente per il nostro fuciliere di Marina, già provato fisicamente dai malanni che lo hanno afflitto nei mesi scorsi e ora sul punto di doversi allontanare, nuovamente, dagli affetti familiari.

Dopo il 15 luglio può succedere di tutto e se il Governo italiano non deciderà di fare la voce grossa con l’India rischiamo seriamente di vedere partire Massimiliano Latorre.

Le speranze che resti in patria sono affidate alla grinta diplomatica di Marco Minniti, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega ai servizi segreti, incaricato della trattativa con gli indiani. Indiani che sono talmente arrabbiati con l’Italia da non aver neppure prenotato uno stand all’Expo di Milano.

E questo non è certo un segnale positivo.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.