Attentato Instanbul, la Turchia arresta tre russi: “Putin è il mandante”

Attentato Istanbul, la prima pagina di Star contro Putin

Attentato Istanbul, la prima pagina di Star contro Putin

Attentato Istanbul, nuove tensioni tra Russia e Turchia: il Presidente Erdogan ha fatto arrestare tre cittadini russi e accusato Putin di essere il mandante. Ecco cosa sta succedendo.

Attentato Instanbul, come riporta Blitzquotidiano, in relazione all’attentato a Istanbul, nel cuore della zona turistica e che ha visto la morte di 10 stranieri di cui 8 tedeschi e 15 feriti, la polizia turca ha arrestato tre russi nella provincia di Antalya. Sono sospettati di legami con l’Isis.

La notizia, diffusa dall’agenzia di stato Anadolu, è stata confermata anche dal consolato russo, secondo il quale “i motivi della detenzione devono essere ancora chiariti”. 

Le immagini televisive dell'attentato a Istanbul

Le immagini televisive dell’attentato a Istanbul

Le prime informazioni riferiscono che i tre russi avrebbero fornito supporto logistico per la preparazione dell’attentato in cui è rimasto ucciso un kamikaze. Giornale pro-Erdogan, anche Putin tra i mandanti.

L’autore è chiaro”.

Attentato Instanbul, la prima pagina di Star contro Putin

Attentato Instanbul, la prima pagina di Star contro Putin

Con questo titolo in prima pagina, accanto alla foto del presidente russo Vladimir Putin con il fotomontaggio di una mano insanguinata, il quotidiano filo-governativo turco Star lancia un’ipotesi shock su un possibile ruolo di Mosca nell’attentato kamikaze di ieri nel centro di Istanbul.

Il giornale, noto per le sue posizioni oltranziste e la vicinanza ai circoli dell’Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan, affianca a Putin i leader di Siria e Iran come altri possibili mandanti della strage. Turchia e Russia sono sempre ai ferri corti dall’abbattimento del jet di Mosca al confine con la Siria il 24 novembre scorso.

Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan

CONTINUA A LEGGERE SU BLITZQUOTIDIANO.IT

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.