Attentati Francia, ecco chi sono e come stanno i due italiani feriti al Bataclan

Attentati Francia, due italiani feriti

Attentati Francia, due italiani feriti

Attentati Francia, ci sono anche due italiani tra le persone rimaste ferite nella strage al Bataclan: ecco di chi si tratta e le loro condizioni, come riporta l’Adnkronos.

Attentati Francia, tra i feriti, in modo lieve, ci sono anche due italiani. Lo riferiscono fonti della Farnesina. A quanto apprende l’Adnkronos dal sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, si tratta di un uomo e una donna della cittadina marchigiana, Massimiliano Natalucci e Laura Apolloni, che erano al concerto al Bataclan e sono rimasti per lunghe ore ostaggi dei terroristi che hanno ucciso decine di persone all’interno del luogo di ritrovo parigino.

Il sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi

Il sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi

Stanno entrambi bene ma immagino siano sotto choc per quello che hanno vissuto”, dice il primo cittadino.

Sono rimasti feriti fortunatamente solo lievemente”, aggiunge.

Il ragazzo ha riportato ferite a una gamba, mentre la ragazza, ferita a una spalla da una scheggia o da un proiettile, è stata operata e l’intervento sarebbe riuscito senza complicazioni.

Ho sentito la madre di Massimiliano, che conosco. Sono sconvolti per quello che è successo, hanno appreso dell’attentato dalla tv”, ha detto ancora Mangialardi aggiungendo che i due marchigiani rimasti feriti “erano a Parigi per una vacanza e dovevano assistere al concerto. Anche la madre di Massimiliano sarebbe dovuta andare al concerto ma poi, fortunatamente, è rimasta qui”.

Un’altraragazza italiana si trovava nella sala di concerti Bataclan con alcuni amici, quando c’è stato l’attentato sono scappati tutti, la sua amica l’ha vista ferita, ha preso la borsa con il cellulare ed è scappata. Da quel momento di lei non sia hanno più notizie“, ha riferito a Radio 24 il funzionario del Consolato generale d’Italia a Parigi Sergio Fiocco.

È senza documenti perché la borsa l’aveva l’amica e si spera che sia stata solo ferita, non che sia fra le vittime – prosegue – Ancora non c’è una lista di morti e feriti”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.