Piccoli geni crescono. A 16 anni studia come vincere il cancro

genio studia come combattere il cancro

Un genio (giovanissimo) che sfida il mondo per migliorarlo.

 

Jack Andraka è un ragazzo americano di 16 anni in grado di inventare un dispositivo per la diagnosi del cancro al pancreas. Si tratta di un sensore che funziona come una striscia di carta, simile a quella usata per i test diabetici, che è 168 volte più veloce e 26mila volte meno costoso di test sul mercato (costa 3 dollari e rileva il male in cinque minuti):

Avevo tredici anni e la notizia che un amico di famiglia era morto di cancro al pancreas mi aveva sconvolto. Allora ho fatto delle ricerca su Google e ho scoperto che l’85% dei tumori al pancreas mortali erano diagnosticati in ritardo. Una situazione legata anche alla complessità dei test tradizionali» ha ricordato l’origine della sua idea al Social Good Summit, conferenza internazionale che fa incontrare a New York le menti più innovative del Pianeta.

Inoltre, nel suo discorso ha raccontato come è giunto alla soluzione:

Ho condotto ricerche sul Web e ho scoperto una proteina che riusciva a misurare i livelli di mesotelina (marcatore del cancro) nel sangue. Poi ho fatto dei test nella cucina di casa, ma poi ho capito che avevo bisogno di un laboratorio per continuare».

È allora che sono nati i primi ostacoli per il ragazzo che, tuttavia, non si è mai lasciato abbattere:

Ho mandato lettere a 200 laboratori per trovare sostegno ai miei studi. E ho ricevuto 199 risposte negative. Ho capito che i professori universitari non sono così accoglienti come vogliono far pensare».

Alla fine Jack ha trovato aiuto in Anirban Maitra, professore di Oncologia della Johns Hopkins University che lo ha accolto nei suoi laboratori.

  1. hanno sviluppato il sensore che ha avuto subito importanti riconoscimenti internazionali. Su tutti la vittoria di una borsa di studio di 75mila dollari da Intel e Thinking Big Google, come migliore progetto in grado di risolvere un grosso problema con una soluzione di ampio impatto.

Oggi il ragazzo continua i suoi studi e le sue battaglie:

Tutti devono avere accesso alla conoscenza scientifica. Ho pagato centinaia dollari per comprare articoli utili alla mia ricerca. Bisogna mettere fine all’aristocrazia del sapere e democratizzarlo in modo che tutti possano dare il loro contributo per affrontare le grandi sfide del futuro».