LORSIGNORI/ La cistifellea

di Fortebraccio

Del senatore Gasparri, capogruppo del Pdl a Palazzo Madama, si potrà dire tutto salvo che egli abbia in qualche modo contribuito Gasparrio incrementato quel fenomeno comunemente noto come fuga dei cervelli. E’ la mancanza di materia prima, secondo certi studiosi, e non quella del titolo di viaggio, a impedire l’espatrio di Gasparri. Certe mancanze, come dire, sono in esclusiva al Pdl: oltre a quella parlamentare, essi hanno una immunità speciale e perenne: quella dal pensiero. Se a Maurizio Gasparri è impedita la fuga, pensate, a Fabrizio Cicchitto è addirittura precluso l’uso dell’Aspirina: a causa della mancanza dell’oggetto, non ci crederete, ma egli non ha  mai avuto un mal di testa. Bene, fatte queste doverose precisazioni anatomiche dobbiamo dire che i due, Gasparri e Cicchitto, che sono gli Stanlio e Ollio della politica italiana, non passa giorno che non ci confermino questa loro speciale condizione. Ieri Gasparri, ad esempio, che della politica italiana è anche il Ridolini, si è superato con questa sua dichiarazione: “Il governo in carica ha il 51% di chance di sopravvivere” – ha affermato, aggiungendo: “i numeri dicono che la maggioranza ha 316 voti: pochi . Vedremo se ci consentiranno di continuare. Sarà la nostra sfida quotidiana”. E Berlusconi?, chiede a un certo punto l’intervistatore: E’ il principio fondatore, senza di lui non staremmo qui a parlare. Lavoriamo al dopo assieme a lui. Il momento è delicato e richiede nervi saldi. Com’è stato il gollismo per de Gaulle, il suo più grande successo sarebbe un partito che gli sopravviva nell’arco di decenni”. Ora, che senza Berlusconi certi lorsignori non starebbero “qui a parlare” è un’affermazione che ci sentiamo di sottoscrivere senza alcun indugio; quello che però ci lascia perplessi è il paragone spericolato tra Berlusconi e De Gaulle che è, come dire?, il paragone tra un paracarro e la Tour Eiffel.  Gasparri parla anche di numeri e percentuali di sopravvivenza ed è come se in questo momento quel 51% e 316 fosse per il Pdl l’equivalente della cistifellea in un uomo: si può vivere anche senza avercela. “Vedremo – pare voler dire Gasparri – se senza colecisti ci consentiranno di continuare. Sarà la nostra sfida quotidiana contro le coliche”. Insomma, questi pidiellini vivono nella più totale certezza medica: a loro i calcoli vengono sempre alla vescicola biliare. Mai un dubbio che le pietre, talvolta, possono anche crescere al posto del cervello. Ma su questo, quando tra moltissimi anni verrà il momento dell’autopsia di qualche pidiellino, chiederemo conferma ad una nostra cara amica anatomopatologo.

 

LEGGI ANCHE

Il sonnambulo

Il lupo

Don Ferrante

Il senatore Maciste


Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.