Tre morti in tre giorni, è guerra di mafia a Milano

guerra di mafia nel milanese

L’uomo freddato a colpi di arma da fuoco. Domenica il fratello Emanuele era stato ammazzato con l’autista. Escalation di violenza nel quartiere.

 

Si trovava nella sua auto a due passi da casa Pasquale Tatone, il boss 54enne freddato a colpi di arma da fuoco a Quarto Oggiaro, quartiere milanese. L’uomo era il capoclan di una delle famiglie che storicamente controllavano lo spaccio di stupefacenti, fratello di Emanuele, ucciso domenica scorsa in un campo al confine con Novate Milanese assieme al suo autista Paolo Simone. 

Secondo quanto riferito da fonti investigative, pare che la vittima, colpito all’altezza di via Pascarella 11, a Quarto Oggiaro, sia stata colpita dall’esterno dal lato del guidatore. Era appena entrato in macchina dopo aver visto una partita in un locale poco distante. Alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto accanto alla vettura grosse cartucce che potrebbero appartenere a un fucile.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.