Papa Bergoglio “piace”, soprattutto alle donne

papa bergoglio piace

Papa Francesco ha davvero fatto breccia nei cuori dei fedeli. Anche di quelli che sono più lontani dalla Chiesa. Ed è lo studio dell’Associazione “Donne e Qualità della Vita” a rivelarlo. Si tratta di un sondaggio condotto tra 500 squillo italiane di età compresa tra i 24 e i 28 anni. Il fine era quello di capire come fosse il carattere della nuova prostituta.

 

E si scopre quindi che non sono più le donne di una volta. Quelle lontane dalla Chiesa che volevano solo guadagno dal sesso a pagamento. Ebbene sì. Anche le prostitute hanno un animo e, chi le considera solo pezzi di carne con cui godere bestialmente per pochi minuti, farebbe bene una volta per tutte a capirlo.

LE PROSTITUTE E PAPA FRANCESCO: IL PERCHE’ DI UN AMORE A PRIMA VISTA

L’87% di quelle sottoposte ad intervista ha sostenuto di amare Papa Francesco e di sognare un incontro con lui. Probabilmente per raccontargli la situazione di degrado che vivono ogni giorno. Al pari della donna argentina violentata che ha ricevuto una telefonata proprio dal Santo Padre. Il 20% di loro ha anche sottolineato di rivolgere a lui una preghiera al giorno.

Che cosa ha attirato le squillo della figura del Papa? Certamente la loro voglia di redenzione e di vivere “in grazia di Dio” ma principalmente per la suadolcezza (31%), ma anche per lasemplicità (23%), il rifiuto alle convenzioni(19%) el’umiltà galante(8%). Il 12%, infine, è affascinato dall‘accento argentinocon cui Papa Francesco si esprime.

Carla Corso, presidente del Comitato per i Diritti civili delle Prostitute ha spiegato che il ruolo della squillo è completamente cambiato. E sul Papa ha dichiarato:  “Un uomo con una carica straordinaria e con una umanità strabordante. Perché le prostitute non dovrebbero volergli bene?”

LE PROSTITUTE E LA CULTURA IN AUMENTO

Oltre ad amare Papa Francesco le prostitute di oggi, rispetto a quelle di ieri, sono per lo più donne istruite, amanti della lettura e di programmi tv d’approfondimentocome “Ballarò”, “L’arena”, “Servizio Pubblico” anziché reality o quiz, conosconopiù lingue straniere e maestre nella tecnologia.

E su questo Carla Corso aggiunge:   ” Il servizio che le prostitute svolgono oggi è più ‘consulenziale’, spesso anche psicologico. La clientela non è solo italiana, quindi le prostitute devono conoscere le lingue ed essere informate sull’attualità. Non dimentichiamo che molte guadagnano tanto e viaggiano in tutto il mondo. Anche i gusti televisivi non mi stupiscono: molte di loro sono sensibili alla politica per cui è ovvio che preferiscano ‘L’Arena’ o ‘Ballarò’ ai quiz”.

I clienti stessero in campana. Non hanno a che fare con la cosiddetta donna senz’anima che vorrebbero al loro fianco. Le prostitute sono innanzitutto persone e come tali vanno considerate.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.