Napolitano nomina Amato nuovo componente della Corte Costituzionale. Un altro Bilderberg al potere

amato nuovo componente corte costitusionale

Re Giorgio aveva pensato addirittura di assegnargli la presidenza del Consiglio. La sua idea però è stata subito accantonata. Ora il bilderberghino da trentottomila euro di pensione è stato accontentato con la nomina a giudice della Corte Costituzionale. Il decreto di nomina è arrivato nel pomeriggio di ieri.

 

Trentotto mila euro di pensione, bilderberghino d’eccellenza, presidente del Consiglio, ministro del tesoro con Goria e dell’interno con Prodi, già senatore e deputato, giurista e docente universitario. E’ così riassunto il curriculum di tutto rispetto del nuovo componente della Corte Costituzionale: Giuliano Amato.

La firma della nomina, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, da parte del presidente Giorgio Napolitano sarebbe avvenuta ieri. La consulta è composta da quindici giudici: cinque nominati dal Colle, cinque dal Parlamento, e cinque dalla magistratura.

Il compito di Giuliano Amato sarà quello di sostituire Franco Gallo, che dal 26 gennaio ha presieduto l’organismo e che è destinato a concludere il proprio mandato il 14 settembre. Solo ieri Gallo è stato ricevuto al Quirinale e dal presidente della Camera Laura Boldrini prima di congedarsi definitivamente. Ora il nuovo compito dei giudici costituzionalisti è l’elezione del nuovo presidente. Tra i papabili ci sono Luigi Mazzella (eletto dal centrodestra e già ministro della Funzione Pubblica del governo Berlusconi) e Gaetano Silvestri (in quota centrosinistra).

La nomina di Giuliano Amato alla Consulta non è solo il giusto riconoscimento per una personalità di grande intelligenza, cultura ed esperienza maturata, ad altissimo livello, in tutte le occasioni in cui è stato chiamato a servire il Paese. Questa nomina del presidente della Repubblica rende onore al Paese e dimostra una volta di più che, con Giorgio Napolitano, l’Italia è in buone mani–  scrive in una nota, Giuliano Cazzola, dirigente nazionale di Scelta civica per l’Italia ed ex deputato del Pdl – Io ho avuto la fortuna di conoscere già alcuni decenni orsono Giuliano Amato e di collaborare con lui, imparando ad apprezzarne le qualità. Con il suo ingresso alla Consulta sento valorizzato un pezzo di un’Italia migliore che mi appartiene, quando a fare politica non erano i saltimbanchi, i giovani turchi, gli studenti fuori corso o quant’altro ‘passa il convento’ in questi anni difficili”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.