Monti terrorizza l’Italia: “La linea politica di Renzi è la mia”. Ci aspettano ancora lacrime&sangue?

matteo renzi mario monti uguali mini

Dopo avergli regalato oltre 1 milione di voti – come hanno dimostrato i flussi elettorali tra Scelta Civica/Europea e Pd – Monti procura a Renzi un’enorme grana, rivelando all’Italia intera quello che solo in pochi sospettano: “La sua linea politica è la mia.” E gli elettori, terrorizzati all’idea di un’altra stagione di lacrime&sangue, vengono assaliti dal dubbio di essere stati presi, ancora una volta, per i fondelli.

 

Quasi a farsi beffa del popolino, Monti ha scelto la piazza sinistroide di RaiTre, Agorà, per terrorizzare l’Italia intera: “La linea che Renzi sta affermando vigorosamente e con capacità di politica è la linea del mio governo adattata ad una situazione in cui non c’è più emergenza finanziaria, per fortuna di Renzi e nostra”.

Secondo il senatore a vita, che parteciperà al Bilderberg 2014, “a un Pd che fosse sicuramente di sinistra e quindi conservatore dei valori della sinistra, preferisco un partito certamente più nebuloso e non schierato nello schema destra-sinistra come è quello guidato da Renzi”.

E alla domanda delle cento pistole, Renzi è di sinistra?, Monti risponde in maniera criptica: “Nel senso della visione del sistema economico-sociale, no. Questo è un vantaggio, non perché sia un vantaggio non essere più di sinistra ma perché credo sia un importante passo verso la modernizzazione – non certo perdere le proprie radici culturali e emotive – ma rendersi conto che oggi, più dell’asse destra-sinistra, è determinante l’asse conservazione-riforme.”.

In buona sostanza, si lascia intendere che Renzi sia un Monti con la faccia buona e le medesime idee. Se davvero così fosse ci sarebbe solo da farsi il segno della croce. E per chi è ateo non resta che l’umana sofferenza.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.