Marino sindaco e uno staff pagato profumatamente: tagli ridicoli e ufficio stampa da capogiro.

marinoignaziocifrecapogiro

Al di là della propaganda a due ruote di cui ama bearsi il neo sindaco di Roma, quando si entra nel merito delle spese per lo staff fioccano le prime polemiche. Secondo le cifre riportate dal Fatto Quotidiano, i forti tagli promessi da Marino in campagna elettorale sono in realtà leggerissime spuntatine. E il capo ufficio stampa attuale prende di più di quello di Alemanno.

 

Quanto costa lo staff che Ignazio Marino ha creato intorno a sé per governare la città? Il Campidoglio ha reso noti i compensi dei collaboratori più stretti del sindaco, un gruppo più leggero rispetto a quello allestito da Gianni Alemanno ma comunque corposo. I collaboratori esterni scendono dai 97 della precedente consiliatura agli 84 attuali.

Esperti e consulenti che guadagnano un po’ meno rispetto ai loro predecessori. Un esempio? Simone Turbolente, collaboratore storico di Alemanno e suo capo ufficio stampa, aveva uno stipendio di 122mila euro l’anno. Il nuovo capo ufficio stampa di Ignazio Marino, Marco Girella (giallista con pseudonimo), prenderà 125mila euro, mentre il portavoce Guido Schwarz guadagnerà 90mila euro, compresi eventuali premi produzione (Ester Mieli, portavoce di Alemanno, arrivava a 103mila).

Un ottimo compenso è riservato anche a Mattia Stella, che dovrà svolgere il ruolo di “attività di coordinamento, monitoraggio e verifica dell’attuazione degli obiettivi programmatici” per circa 105mila euro l’anno.

Stella farà parte del gabinetto del sindaco insieme a Silvia Decina (103mila euro), storica segretaria di Walter Veltroni, Silvia Pelliccia e Roberto Tricarico, uomo legatissimo all’ex senatore democrat (95mila euro). Novantamila euro anche per Enzo Foschi, capo segreteria del sindaco, ex consigliere regionale, da sempre vicino a Nicola Zingaretti. Infine 73mila euro per il capo di gabinetto, Luigi Fucito.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.