Il regalo di Renzi e Padoan al Vaticano: esenti da Imu e Tasi scuole e cliniche della Chiesa

renzi padoan vaticano mini

Gli asini cascano ancora una volta di fronte alla magnificenza (elettorale) del Vaticano: il Tesoro ha emanato un decreto per esentare da Imu e Tasi scuole paritarie e cliniche convenzionate (cioè quasi tutte) di proprietà della Chiesa. Papa Francesco, pensaci tu. A pagare, sia chiaro.

 

La vicenda “Imu-Chiesa”, come svela Repubblica, trova la sua degna conclusione per mano dell’astuto, si fa per dire, Ministro del Tesoro Padoan.

A due anni dallo scandaloso decreto Monti, che esentava il Vaticano dal pagamento dell’Imu e regalava milioni di euro a scuole paritarie (private) e ospedali convenzionati (privati) di proprietà della Chiesa, ecco che la Santa Sede si prepara a ricevere un nuovo corposo regalo.

Questa volta, grazie al decreto del Ministero dell’Economia firmato da Padoan il 26 giugno (e approvato dal Premier Renzi), l’esenzione è doppia: le scuole paritarie e le cliniche convenzionate, di proprietà della Chiesa, non pagheranno né l’Imu né la Tasi.

Per il Vaticano è certamente un colpaccio, soprattutto in questi tempi di crisi. Per lo Stato italiano l’ennesima brutta figura: si cercano gli evasori fiscali con il lanternino, perché i conti non tornano e poi si regalano milioni di euro alla Chiesa. Dov’è la coerenza? Dov’è la lungimiranza? Resta solo il tornaconto politico che può ricavarsi da un giochino simile.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.