Il paese è in macerie ma si pensa al finanziamento pubblico ai partiti. Via libera al decreto

via libera al finazniamento pubblico ai partiti litalia piange miseria

Via libera al decreto sul finanziamento pubblico ai partiti. I voti a favore sono stati 171, 55 quelli contrari. Il provvedimento passa ora alla Camera.

 

Il Senato ha approvato il decreto sul finanziamento pubblico ai partiti con 171 voti a favore, 55 contrari e un astenuto. Schierati per il via libera del decreto il Pd, Scelta Civica, il Nuovo centrodestra, Lega Nord e Forza Italia. Hanno votato no, invece, Sinistra e Libertà, Movimento 5 Stelle e Grandi Autonomie e Libertà. Il provvedimento ora passa all’esame della Camera per l’approvazione definitiva. Stretti i tempi del decreto che dovrà essere convertito entro il 26 febbraio.

Al Senato vi è stata una protesta dei parlamentari del Movimento 5 Stelle che, poco prima del voto, hanno esposto in Aula dei cartelli con la scritta “No alla legge truffa”. I commessi di Palazzo Madama hanno poi provveduto a rimuoverli. 

Il ministro delle Riforme Gaetano Quaglierello si è detto soddisfatto dell’ok ma ha anche commentato rammaricato: “Peccato che l’abolizione del rimborso non parta dal 2014”.

Il ministro ha ricordato come il governo avesse presentato al Parlamento il disegno di legge già nel maggio dello scorso anno, e poi a dicembre avesse adottato un decreto per accelerare la soluzione legislativa.

Il finanziamento (91 milioni nel 2012) sarà decurtato negli anni: -25% nel 2014, -50% nel 2015 e -75% nel 2016 per poi essere azzerato l’anno successivo.

Nel testo è stata tolta l’esenzione per i partiti al pagamento dell’Imu per le sedi, sono state cancellate le agevolazioni per le scuole di formazione politica e il tetto per le donazioni private è sceso da 300mila a 100mila euro.

Via libera anche all’istituzione della cassa integrazione per i dipendenti dei partiti che perdono il posto.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.