Decadenza Berlusconi, ecco i nomi dei senatori pronti a “impallinarlo” per tenere in piedi il Governo

traditori berlusconi

Iniziano a circolare i primi nomi dei senatori che potrebbero “impallinare” Silvio in caso di crisi di Governo e salvare così Letta: sono 20, sono giovani e forti e stanno per decretare la fine di Berlusconi.

 

Se Berlusconi dovesse cadere c’è chi è pronto a salvare il Governo da eventuale elezioni tradendo cosi il leader del Pd. Uno dei primi senatori ad uscire allo scoperto è il sottosegretario Giuseppe Castiglione, una delle voci più autorevoli del Pdl siciliano, il quale ha già fatto sapere ad Alfano che “nessuno vuole aprire una crisi con una prospettiva assolutamente incerta. Se i falchi tirano troppo la corda, questa si spezza. Non venderemo il nostro futuro a Santanché e compagni”.

La caduta del Governo Letta è un ipotesi difficilmente percorribile anche per il catanese Salvo Torrisi, “Aprire una crisi ora sarebbe un clamoroso errore nei confronti del Paese. Un governo di larghe intese è l’unica soluzione possibile per l’Italia, non possiamo abbandonarla dopo pochi mesi. Almeno la metà dei senatori, soprattutto del Sud, sono contrari alla crisi”.

Anche Francesco Scoma, senatore molto vicino a Schifani è dello stesso parere e pur sostenendo che “l’agibilità del Cavaliere va assolutamente difesa” pensa che “una crisi di governo potrebbe anche non portare direttamente alle urne”.

Il giarrese Pippo Pagano dice che, in caso di rottura, “La gente non la capirebbe. Non è tempo di mostrare i muscoli. Bisogna essere responsabili. Quest’esecutivo sta cercando di dare delle risposte alle imprese, a chi è senza lavoro. Se fossi chiamato a un voto di fiducia? Una soluzione va trovata dentro al partito, dobbiamo evitare le spaccature”.

Tutte queste voci che si rincorrono preoccupano e non poco Renato Schifani, il quale teme una forte defezione al senato, con una eventuale debacle di Silvio. Preoccupazioni talmente forti da far dichiarare allo stesso Schifani: “Presidente, fra i nostri c’è chi potrebbe abbandonarti per un Letta-bis. Io non posso più garantire”.

Insomma la spaccatura che si è creata all’interno del Pdl tra chi sostiene la linea dura e chi è aperto al dialogo, sembra ormai irreparabile e appare chiaro come sia solo questioni di giorni, fino alla data del voto per la decadenza, per arrivare alla resa dei conti finale.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.