Dal bunga bunga ai video hard. Tutta la verità sulla scissione del Pdl

 tuutta la verià saulla scissione pdl

E se il famoso “quid” Alfano lo avesse dimostrato, sbattendo il portone di via del Plebiscito e lasciando solo con Dudù e la Pascale Berlusconi (il leader a cui don Angelino deve la sua rapida ascesa politica) dopo esser venuto a conoscenza del tentativo di Valterino Lavitola di ricattare il Cavaliere con filmati contenenti le immagini hard dell’attempato allora premier gagliardamente “impegnato” con giovani e attraenti prostitute a Panama e in Brasile?

 

Solo il giovane ministro di Agrigento potrebbe rispondere, con franchezza, a questa domanda. Gliela poniamo : Da ministro dell’Interno in carica, on. Alfano, lei ha preferito rompere, definitivamente, con il Dottore di Arcore per non restare invischiato in un tutt’altro che limpido affaire?

Come diceva Andreotti, a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

E molti ricorderanno lo sconcerto e la sorpresa di politici e osservatori per l’improvviso addio a B.- quasi come il tuffo in alto mare, con la nave alla deriva, dei naufraghi alla ricerca di un approdo sicuro-oltre che di Alfano, di personaggi come i vecchi Cicchitto, Colucci e Formigoni e le giovani De Girolamo e Lorenzin, tutti quasi più berlusconiani di Silvio.

Non sarebbe la prima volta che, nell’Italia delle trame e degli intrighi,  controverse e “strane” decisioni politiche potrebbero essere meglio comprese e interpretate alla luce di vicende torbide e inquietanti come il ricatto con pornovideo, pur smentiti dall’avv. Niccolò Ghedini.

E poi quante copie di tali filmati a luce rossa sarebbero in circolazione, oltre a quelli in possesso del giornalista campano, ex craxiano, già  direttore dell”Avanti !”, e di Mauro Velocci, il collaboratore dell’imprenditore Capriotti, che ha parlato ai magistrati di Napoli  di questi imbarazzanti, presunti, of course, video hard?

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.