Bonifazi, se il tesoriere del Pd ha un debito nei confronti del Pd…

 bonifazi quando il tesoriere del pd ha un debito con il pd

La scoperta che a prima vista può sembrare paradossale l’ha fatta Claudio Cerasa su il Foglio: Francesco Bonifazi, il neo tesoriere del Pd, ha un debito con il Pd. Ebbene si proprio con il partito di cui deve tenere i conti (a dire il vero un po’ disastrati) in ordine.

 

Una scoperta fatta da Claudio Cerasa che ne scrive sul sito del Foglio:

La storia è questa. Bonifazi è stato eletto parlamentare nella circoscrizione Piemonte. E come molte segreterie regionali, quella del Piemonte prevede per i suoi candidati in Parlamento, e in consiglio regionale, una regola precisa: chi viene eletto, sia a Montecitorio sia a Palazzo Madama sia in consiglio regionale, deve versare una quota al partito. Una bella somma. 

Nel caso del Piemonte la cifra fissata lo scorso anno per i candidati era questa: 30 mila euro per i nuovi candidati in Parlamento; 50 mila euro per i candidati uscenti; 40 mila euro per i candidati in consiglio regionale. Undici mesi dopo le elezioni tra i candidati del Pd che non hanno ancora restituito il dovuto al Pd c’è anche, sorpresa, il tesoriere del Pd.

Lo stesso Bonifazi interpellato da il Foglio conferma tutto ma si difende:

“E’ vero: sono stato eletto in Piemonte e in Piemonte, come in altre regioni, c’è questa regola. Ha ragione Placido quando dice che manca la mia quota ma c’è un problema organizzativo che non è stato ancora risolto.

Io – spiega ancora Bonifazi – sono stato eletto nel listino bloccato e non è ancora chiaro se per i casi come il mieo il dovuto sia da versare nella regione dove siamo stati eletti o alla federazione alla quale siamo iscritti, che nel mio caso è quella Toscana. Mi rendo conto che la situazione possa apparire paradossale e singolare ma appena risolto il problema organizzativo pagherò il dovuto come dovrebbero fare tutti, e come ho sempre fatto durante tutti gli incarichi istituzionali da me ricoperti”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.